martedì 23 dicembre 2014

"L'umano sistema fognario" Di Cosimo Argentina 4/1/2015 alla Ubik.

"L'umano sistema fognario" (Manni Editori)
Di Cosimo Argentina
Domenica 4/1/2015 
Ore 18.30
Libreria Ubik, 
   Via di Palma 69 – Taranto



“Nell’attimo stesso in cui mia madre si accorge che sta per morire mi chiama al suo capezzale per rivelarmi l’identità di mio padre. Abbiamo vissuto ventott’anni insieme, io e lei, e ci siamo bastati, ma l’ava c’ha ’sto groppo in gola perché mai, dico mai, mi ha rivelato il nome del cavernoso che l’ha messa incinta. Emiliano Maresca lavora come un mulo in un capannone industriale, ama segretamente una ragazza di nome Anansa e conserva il cadavere della madre nel frigorifero di casa.  Ascolta musica heavy metal, ha appeso sopra al letto un poster di Hitler, ha i brufoli, gli occhiali a culo di bottiglia, i capelli grassi e un paio di amici. Quando scopre di avere un padre e due sorelle, che mai ha conosciuto e che non sanno della sua esistenza, la dinamite che ha dentro deflagra con imprevedibile ferocia.  In un percorso di grottesca crescita autodistruttiva, in un eroicomico apprendistato alla vita, Emiliano rotola giù, con cieca ostinazione, nella degradata quotidianità di una Taranto disfatta Cosimo Argentina, con un alto tasso di ironia, rovescia in immagini esilaranti un romanzo crudele, e ci racconta l’umano sistema così simile a una fogna smaltata”.

In esclusiva assoluta per la città di Taranto, domenica 4 gennaio 2015, alle ore 18.30, sarà presentato “L’umano sistema fognario” il nuovo romanzo dello scrittore tarantino Cosimo Argentina edito da Manni Editori. L’evento, organizzato dall’autrice conterranea Lucrezia Maggi in collaborazione con la Libreria Ubik di Taranto, si svolgerà presso il salone eventi della stessa e vedrà la partecipazione della giornalista Alessandra Congedo che modererà l’incontro e degli attori Michele Bramo, Axel Caponio, Silvana Pasanisi che interpreteranno brani estratti dal testo. L’ingresso all’evento è libero, start ore 19.00. 



Cosimo Argentina è nato a Taranto nel 1963 e dal 1990 vive in Brianza dove insegna Diritto nelle scuole superiori. Ha esordito con il romanzo Il cadetto (Marsilio 1999) a cui sono seguiti, tra gli altri, Bar Blu Seves (Marsilio 2002), Cuore di cuoio (Sironi 2004, Fandango 2010), Viaggiatori a sangue caldo (Avagliano 2005), Vicolo dell’acciaio (Fandango 2010), Per sempre carnivori (minimum fax 2012). Con Manni nel 2008 ha pubblicato Maschio adulto solitario.



Ufficio stampa “Le Muse Project”
Per info: lemuseprojectotmail.it – infoline: 349.4634452

domenica 21 dicembre 2014

PUTEOLANA-TARANTO 0-4 IL PAGELLONE DI MIMMO

IL PAGELLONE DI MIMMO PUTEOLANA – TARANTO

Buona anzi buonissima prova dei rossoblù che non sottovalutano l’impegno di Pozzuoli e si impongono con un perentorio 0-4 col quale augurano buone feste a tutti i tifosi tarantini. Ecco di seguito i voti e i commenti degli uomini di Mister Favo.

MIRARCO: Oggi è praticamente inoperoso vista l’assenza di occasioni da gol dei campani, merito di una difesa molto attenta. “FERIE ANTICIPATEvoto 6

COLANTONI: In costante crescita da inizio stagione, gioca la solita gara ordinata e precisa sia in fase difensiva che in quella offensiva. “IN MATURAZIONEvoto 6+

MARINO: Il banco di prova non è certo proibitivo ma lui gioca come sempre una gara di buon livello dimostrando di essere bravo soprattutto in fase di impostazione. “TESTA ALTA voto 6,5

PROSPERI: Fisico e cuore, anche l’altro centrale rossoblù è tra i migliori in campo, complice anche il gol che sblocca la gara dopo sei minuti di gioco frutto di una acrobazia delle sue che si è ripreso senza troppi indulgi il posto da titolare. “IL BURBEROvoto 7

PORCINO: Lieta conferma ormai il terzino sinistro rossoblù, il giovane under offre tanta corsa, cross e copertura da giocatore di categoria consumato. “FUNGHETTO PREGIATOvoto 6,5

ORETTI: Gioca la miglior gara da  quando è in rossoblù, grazie ad uno stato di forma crescente, suo il passaggio iniziale che porta al tre a zero. “MARTELLO PNEUMATICOvoto 6,5

VACCARO: Ecco qui il giocatore che mancava a questa squadra, passa, tira, accorcia e distribuisce palle in quantità con un ordine matematico. “ALBERT EINSTEINvoto 7

TARALLO: E’ vero si trova in mezzo a diverse occasioni ma il giovane under del ’97 non segna manco ad ammazzarlo, da premiare però la corsa e l’impegno che sono finalmente encomiabili. “DA CALIBRAREvoto 6+

D’AVANZO: Alla prima da titolare si presenta con i modi migliori, mixando corsa, forza e tecnica e facendoci capire che sarà un’arma in più per questa squadra. “DAVID GUETTA” voto 7

GABRIELLONI: Non si ferma mai, mette il naso tutte le azioni offensive, si procura il rigore e si mangia qualche gol non difficile da realizzare, ma a Natale siamo tutti più buoni e lo perdoniamo. “FICCANTEvoto 6,5

GENCHI: Che dire di più ormai su questo splendido calciatore…la barba c’è, i regali ci sono e sono due belli pesanti, l’aria natalizia pure… “SANTA CLAUSvoto 7,5

MIGNOGNA: Giusto il tempo per mettere sulla testa di Giglio il gol del poker, con un passaggio disegnato col compasso e mandare tutti in vacanza. “L’INGEGNEREvoto 6,5

GIGLIO: Entra a mezz’ora dalla fine tocca un pallone e segna…questo è Giglio. “FIORE ALL’OCCHIELLOvoto 6,5

FAVO: Oggi i suoi prendono a sassate la povera Puteolana, ma vittoria chiama vittoria e vincere su questi campetti non è mai facile impresa nonostante la classifica voglia farci credere non sia così, bravo dunque il mister a tenere tutti sulla corda, speriamo lo faccia fino a Maggio perché il nostro campionato e la nostra rimonta sono appena iniziati. “BUON NATALE MISTER” voto 7

A cura di MIMMO FRUSI

sabato 20 dicembre 2014

A Chrismas Carol

Nell’ambito delle attività promosse promosse dal Centro di Ascolto LGBTIQ di Taranto e Provincia, che godono del Patrocinio Morale del Comune di Taranto e dell’Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Taranto, continua la rassegna di arti sceniche, visive e letterarie “Xmas in (Diver)City”, promossa dal 7 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015 dall’Associazione Culturale Hermes Academy Onlus – Arcigay Taranto, in collaborazione con il Cantiere Maggese, la Biblioteca Comunale Pietro Acclavio, la ProLoco di Taranto, Puglia Internazionale e numerose altre associazioni, al fine di riscoprire, valorizzare e conservare la memoria storica locale, educare le nuove generazioni (e non solo) alla bellezza, alla diversità, allo sviluppo sostenibile e di sensilizzare giovani e meno giovani alla prevenzione e al contrasto a malattie sessualmente trasmissibili, fenomeni di omofobia, transfobia, bullismo, violenza di genere, attraverso mostre di arte visiva, reading, performance di teatro-danza, flash mob, proiezioni, lectio magistralis, presentazioni di libri, convegni, escursioni, happening e concerti che allietano la Città dei Due Mari durante il mese, per antonomasia, dedicato agli affetti più cari.


A Christmas Carol al Cineforum per i più piccoli
Lunedì 22 dicembre l’Associazione Culturale Hermes Academy Onlus – Arcigay Taranto invita i propri soci presso i locali che ospitavano la Chiesa di San Gaetano (ora appartenenti al circuito Cantiere Maggese, gestito dalla Cooperativa Carisma) sull’omonimo slargo che si estende tra via Garibaldi e Via Cava, nel cuore del centro storico, dove a partire dalle ore 21.00, per il ciclo “Cineforum” sulla diversità dedicato ai più piccoli, verrà proiettato “A Christmas Carol”, film del 2009 diretto da Robert Zemeckis, adattamento cinematografico del racconto Canto di Natale di Charles Dickens. Tra gli interpreti: Jim Carrey, Robin Wright Penn, Gary Oldman, Colin Firth, Cary Elwes. È stato prodotto dalla Walt Disney Pictures e realizzato in CGI utilizzando la tecnica della performance capture. La partecipazione alla proiezione del film è libera e gratuita. È però necessario prenotare al +39 346 622 6998.

«Il vecchio e avaro strozzino Ebenezer Scrooge non ha alcuna intenzione di condividere le gioie del Natale. Né con il nipote Fred né con il suo dipendente Bob, che riceve uno stipendio da fame e ha una famiglia numerosa, né tantomeno con chi gli chiede sottoscrizioni in favore dei più diseredati. Per lui il Natale è solo un giorno in cui deve pagare Bob che resterà però a casa. La notte della vigilia compare però, terrorizzandolo, il fantasma del suo socio in affari Marley, morto sette anni prima. Marley gli annuncia l’arrivo di tre Spiriti. Uno gli mostrerà i suoi Natali passati, uno quello presente e l’ultimo quello futuro, in cui lui sarà morto e nessuno avrà un buon ricordo della sua esistenza. La lezione gli servirà.

Di Canto di Natale di Dickens il cinema si è impossessato sin dal 1914 e non ha smesso di occuparsene nel corso dei decenni a venire, coinvolgendovi Paperone e soci, Bill Murray nei panni di un magnate televisivo e perfino i Muppets. Poteva mancare il 3D? Ovviamente no. Poteva Zemeckis, sperimentatore delle potenzialità del cinema da sempre, non tentare l’impresa? La risposta è ancora no. Al suo fianco trova il talento sempre più affinato e “natalizio” (è stato Il Grinch ricordate?) di Jim Carrey che è pronto a quadruplicarsi (Scrooge e i tre spiriti) per questa storia morale che resta valida oggi così come nel 1843.
Utilizzando il Performance capture (una tecnologia che permette di riprendere gli attori con cineprese computerizzate che spaziano a 360° gradi per poi trasformarli in personaggi da animazione) Zemeckis avrebbe potuto prendersi tutte le libertà. Invece si è attenuto con grande fedeltà al testo quasi che, appunto, vi riscontrasse una grande attualità che non abbisognava di adattamenti.
Gli Scrooge non mancano nel mondo odierno (anche se magari vanno in palestra e sono eternamente abbronzati) e avrebbero anch’essi bisogno di uno sguardo retrospettivo unito a uno verso il futuro, destinati a far loro percepire la fragilità dell’esistenza umana.
Zemeckis coglie il profondo senso morale dell’opera di Dickens e non ne attenua i toni. Ne nasce quindi un film non adatto ai più piccoli (le scene con Marley e con lo Spirito dei Natali Futuri sono degne di un horror di classe, per di più in tre dimensioni). È, però, capace di far riflettere con efficacia non tanto su una visione edulcorata del Natale quanto piuttosto sul senso che la vita di ognuno (credente o non credente che sia, considerata la non leggera considerazione sugli uomini di chiesa pronunciata dal quasi mitologico Spirito del Natale Presente) può assumere su questa terra. Il 3D con le sue magie lo aiuta nell’impresa, offrendogli una dimensione che si colloca costantemente sul confine tra l’immaginario e il reale con grande effetto.» (recensione critica di Giancarlo Zappoli)

Performance di teatro sociale presso la Comunità “Il Delfino”

Prosegue, presso la comunità terapeutica “Il Delfino”, in località San Vito a Taranto, il laboratorio di scrittura e drammatizzazione tenuto dall’actor coach Luigi Pignatelli, per mezzo del quale gli ospiti, venti uomini tarantini e napoletani la cui età anagrafica varia tra i 19 e i 56 anni, stanno avendo modo di scoprire, ampliare, modificare, incrementare, trasformare il vissuto intrapersonale, interpersonale e sociale, in un percorso di rinascita dopo il tunnel della tossicodipendenza.

Lunedì 22 dicembre, a partire dalle ore 11.00 alcuni volontari dell’Hermes Academy Onlus trascorreranno momenti di quotidianità con gli abitanti della struttura: dalle attività legate alla pulizia della casa alla cura dell’orto, dalla preparazione e condivisione del pranzo alla visione di un film. Un’occasione di confronto e di crescita sia per i venti uomini che per i visitatori.

Alle ore 17.30 i venti compagni di viaggio proporranno la performance di teatro sociale “ComuniTà: uomini non comuni si raccontano”, elaborazione drammaturgica dei testi redatti dagli stessi interpreti. In scena saranno coadiuvati dal giovane chitarrista Giuseppe Stasolla della Compagnia Teatrale Hermes e dalla danzatrice Simona Tempesta della Compagnia Tarantanz. Seguirà un dibattito moderato dagli operatori della struttura, con interventi di Barbara Gambillara, Consigliera di Parità della Provincia di Taranto, della scrittrice Marcella Trani, dell’attore, poeta e formatore Luigi Pignatelli e di Roberto Antonante e Mary Camerino, suoi allievi e giovanissimi volontari dell’Hermes Academy Onlus.


giovedì 18 dicembre 2014

19/12/14 DIFENDIAMO TARANTO

A due anni di distanza dalla grande manifestazione del 15 Dicembre 2012 che, pur ignorata dai media e dalla stampa nazionale, portò in piazza circa 30.000 persone, abbiamo deciso di scendere ancora una volta in strada il 19 Dicembre.

Leggi la piattaforma estesa qui:
http://difendiamotaranto.wordpress.com/


Percorso Manifestazione:

Via C. Battisti (Palamazzola)
Via Acton
Via Magnaghi
Via di Palma 
Via d'Aquino 
Piazza della Vittoria 

L'orario di partenza è alle ore 17.00 da Via Cesare Battisti, altezza Palamazzola.

L'arrivo sarà in Piazza della Vittoria, ove seguiranno interventi accompagnati da buona musica.

Per aderire ufficialmente mandare mail a:
manifestazione19dicembre@gmail.com

Casa Euro Taranto pronta al... 'lancio del peluche'

Domenica al PalaMazzola contro Pescara sarà la giornata “Teddy Bear Toss”: al primo canestro lancio in campo dei peluche da destinare al reparto di pediatria dell’ospedale

Voleranno peluche domenica al PalaMazzola di Taranto. Nessuna protesta si intende ma solo un modo festoso di fare della beneficenza a pochi giorni da
l Natale. Anche la Casa Euro Basket Taranto ha aderito all’iniziativa “Teddy Bear Toss” promossa su tutti i campi dalla LNP nelle ultime due domeniche pre-natalizie. Si tratta di una raccolta di solidarietà di matrice americana: tutti gli spettatori che verranno al PalaMazzola per assistere al match contro Pescara valevole per la 12sima giornata di Serie B, sono invitati a farlo portando con se un peluche, un orsacchiotto che dovrà essere lanciato in un particolare momento della partita, subito, al primo canestro realizzato indipendentemente da quale squadra lo andrà a segnare. I giocatori in campo, con la collaborazione dei ragazzi infaticabili della Virtus Pallacanestro Taranto li raccoglieranno tutti e nei giorni successi una delegazione del Cus Jonico e della Virtus regaleranno i peluche ai bambini ricoverati nel reparto di pediatria dell’ospedale di Taranto. 
“Insomma un’altra ragione in più per esserci – rimarcano dalla società cussi
na – ricordando a tutti di portare uno, due, tre orsacchiotti di peluche (ovviamente non pupazzetti pesanti, ndr) per poter partecipare a questa pacifica manifestazione di affetto e tenerezza nei confronti dei bambini che soffrono lontano dalle proprie case e famiglie, chiusi in una stanza di ospedale”.
E per incrementare il numero degli spettatori e di conseguenza dei peluche da donare la Casa Euro Taranto sta facendo un’opera importante di “invito” presso le scuole e i piccoli gruppi cestistici con ingressi gratuiti e biglietti ridotti per tutti, studenti, piccoli giocatori, genitori, istruttori e accompagnatori.
In tutto questo non poteva mancare la vicinanza “fraterna” della Virtus Pallacanestro Taranto e della consociata De Florio che coloreranno il palazzetto.

In particolare la Virtus si appresta a vivere l’ennesima domenica da protagonista sul parquet e fuori con la visita in mattinata all’oratorio nella Chiesa di San Domenico nel Borgo Antico, alle ore 11 la messa e poi dopo Casa Euro-Pescara al PalaMazzola, altro raduno in Piazza Maria Immacolata per “Bambini in Festa”. 
Sul campo, ferma l’under 19 di coach Leale, le soddisfazioni sono arrivate dall’under 15 di Cottignoli che ha espugnato Bari 65-79 con 20 punti di D’Andria ma ha masticato amaro, ko 64-47,   sul parquet di Mesagne. “Bisogna accettare le sconfitte serenamente. Continuare a lavorare e migliorare sui limiti di squadra e individuali. Continuare sempre a credere. Grande umiltà” il commento del responsabile tecnico, Domenico Terruli.
Invece derby under 13 vinto dagli orange, sempre con Cottignoli in panca,  34-37 sulla Santa Rita imitata dall’under 14 Elite corsara 48-70 sul campo di Monpoli con Egitto, 22 punti, sugli scudi. Siamo primo in parecchi campionati (under 19 e under 17, ndr) ed in tutti comunque primeggiamo. Il nostro premio è la considerazione di chi é con noi” ha scritto il presidente Virtus, Enzo Festinante sul profilo ufficiale della società.

lunedì 15 dicembre 2014

IL PRESEPE VIVENTE DEI PICCOLI A TALSANO

Tra le numerose iniziative che accompagnano il periodo del Santo Natale, anche quest’anno l’istituto comprensivo “Leonardo Sciascia” di Talsano, darà vita all’ormai tradizionale appuntamento col "Presepe vivente" degli alunni della scuola dell'infanzia.

Giunto ormai alla quarta edizione, questo  evento coinvolge  circa duecento piccoli alunni, coadiuvati sapientemente dai docenti e dai genitori, ed è un vero e proprio tuffo nel passato con la rappresentazione di scene di vita quotidiana e con la riproduzione di antichi mestieri. Non mancheranno infatti grandi, ma soprattutto piccoli vinai, calzolai, falegnami, cestai, pastori, e piccole massaie e lavandaie, che con gioia e spensieratezza  si caleranno nella storia
e nelle ambientazioni di circa 2000 anni fa, con tanto di abiti dell’epoca indosso.

Ad accompagnare le scene, vi saranno le soavi musiche e voci del "coro degli alunni del primo ciclo della scuola primaria e secondaria dell'Istituto Sciascia".

Si invita pertanto tutta la cittadinanza a prendere parte a questa bella iniziativa, che si terrà Giovedì 18 dicembre alle ore 16,30 presso la suggestiva cornice della Masseria Pizzariello sita tra Talsano e San Donato.

Per maggiori informazioni contattare il 328 459 78 17 .

A CURA DI MIMMO FRUSI

mercoledì 10 dicembre 2014

Il Taranto FC al fianco dei bambini del SS. Annunziata

Il Taranto FC al fianco dei bambini degenti all'Ospedale Santissima Annunziata di Taranto. Sarà un pomeriggio speciale quello di sabato per i piccoli pazienti del nosocomio tarantino. Una delegazione del club rossoblu farà, infatti, visita al reparto di pediatria su invito dell'Associazione per il Bambino in Ospedale. Nell'occasione alcuni calciatori consegneranno dei regali ai piccoli degenti per quello che si profila come "un appuntamento per molti bambini indimenticabile - dice a tarantofc.it Debora Cinquepalmi, presidente dell'ABIO - soprattutto visto l'avvicinarsi del periodo natalizio. Molti dei pazienti vedono nei calciatori dei modelli da seguire. Poter trascorrere qualche minuto con loro e ricevere dalle loro mani alcuni doni renderà questa esperienza fantastica. Siamo felicissimi che il Taranto abbia sposato la nostra causa". Altrettanto entusiasta il sodalizio rossoblu del presidente Domenico Campitiello: "Abbiamo accolto l'invito dell'ABIO con profonda gioia. Lo sport deve essere sempre al fianco di chi è meno fortunato per veicolare un messaggio di speranza è incitare coloro che quotidianamente affrontano avversari ben più ostici dei nostri". L'appuntamento è per sabato 13 dicembre alle ore 17:30.

“Riflessi(oni)”: scrittura e drammatizzazione per i più piccoli

Giovedì 11 dicembre presso il Cantiere Maggese, laboratorio urbano patrocinato da Regione Puglia e Comune di Taranto, nella struttura che ospitava la Chiesa di San Gaetano, sull’omonimo slargo, nel cuore del centro storico, tra Via Garibaldi e via Cava, a partire dalle ore 17.00, nell’ambito della consueta attività di accompagnamento allo studio per i piccoli isolani, a cura di Isabella Convertino, Luigi Pignatelli, Francesco Bon e altri volontari della Cooperativa Carisma e dell’Associazione Culturale Hermes Academy Onlus, si terrà il workshop di scrittura creativa “Riflessi(oni)”, gratuito ed aperto anche ad altri bambini. I giovanissimi partecipanti verranno invitati a creare un componimento poetico.
Alle ore 19.00 torna il percorso di scrittura e drammatizzazione “Sulla rotta di Artaud”, rivolto sia a chi intende intraprendere seriamente lo studio delle tecniche di interpretazione, sia a chi vuole semplicemente mettersi in gioco e sperimentare nuovi metodi di ricerca e di comunicazione. Nell’appuntamento odierno, gli allievi dell’acting coach Luigi Pignatelli e chiunque altro vorrà partecipare coadiuveranno i piccoli isolani nella drammatizzazione del testo redatto da questi ultimi nelle due ore precedenti.
La partecipazione all’incontro è libera e gratuita. È però necessario prenotare al +39 346 622 6998.

Attraverso lo specchio a “Il Profumo di un Libro”
Giovedì 11 dicembre, per il ciclo “Il Profumo di un Libro”, presso il Cantiere Maggese sul largo San Gaetano, a partire dalle ore 20.00, gli allievi dell’acting coach Luigi Pignatelli proporranno il reading teatralizzato di alcuni capitoli de Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò (titolo originale Through the Looking–Glass and What Alice Found There), romanzo fantastico del 1871 scritto dal matematico e scrittore inglese Charles Lutwidge Dodgson con lo pseudonimo di Lewis Carroll, come seguito de Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie. Come nel precedente, il racconto è pieno di allusioni a personaggi, poemetti, proverbi e avvenimenti propri dell’epoca in cui Dodgson viveva. Mentre il primo libro gioca sul tema delle carte da gioco, il secondo è incentrato sul tema degli scacchi, per i quali l’autore fornisce uno schema di gioco all’inizio del libro.
La partecipazione è libera e gratuita.

* * *

Per entrare a far parte di questa realtà associativa, iscrizioni ai corsi promossi dall’Hermes Academy Onlus, proposte, contattare il numero +39 346 622 6998 oppure l’indirizzo email luigi_pignatelli@hotmail.it
Per visionare il calendario completo delle iniziative, consultare il sito www.hermesacademy.blogspot.it

GRAN CONCERTO DI NATALE ALLA CHIESA DEL CARMINE

VENERDI’ ALLA CHIESA DEL CARMINE GRAN CONCERTO DI NATALE DELL’ASSOCIAZIONE MUSICALE “GIUSEPPE CHIMIENTI”

Imperdibile appuntamento musicale il 12 dicembre in una delle Chiese più amate di Taranto: l’orchestra di fiati diretta dal prof. De Felice eseguirà otto brani, spaziando tra pastorali e celebri canzoni natalizie.


Venerdì 12 dicembre, la Parrocchia Maria S.S.del Monte Carmelo, più conosciuta come Chiesa del Carmine, farà da teatro al Gran Concerto di Natale dell’Associazione Musicale “Giuseppe Chimienti”.

L’evento, durante il quale ci sarà una raccolta fondi con i proventi destinati in beneficenza, sarà presentato dal giornalista e scrittore Matteo Schinaia, che già nel luglio del 2013 condusse la manifestazione celebrativa del decimo anniversario della nota orchestra di fiati di Montemesola diretta dal professor Lorenzo De Felice.

La banda del presidente Ivan Lerario, che ha undici anni di attività ed infiniti consensi alle spalle, eseguirà otto brani, spaziando tra pastorali e celebri canzoni natalizie.

sabato 6 dicembre 2014

POESIA: "L'AMORE E'" DI CHRISTIAN SMIRAGLIA





RITORNA LA POESIA SU ZERO99HD COL GIOVANE AUTORE TARANTINO CHRISTIAN SMIRAGLIA CHE OGGI CI PROPONE:





L'amore è...


L'amore è magia,
un pizzico di follia
che illumina la via,
nelle notti dove
la nostalgia assale l'anima 
e non c'è via d'uscita.
L' amore è il colore
che diamo ad un nome;
è il sapore 
che sentiamo sulle labbra,
ogni bacio incendia l'anima.
L'amore è sapere,
di avere qualcuno 
che ci stringa la mano,
che ci porti lontano.
L'amore è il senso
di ogni gesto,
di ogni cambiamento,
di ogni adattamento.
L'amore è l'esser pronti 
ad andare lontano,
per vivere l'uno con l'altro




giovedì 4 dicembre 2014

Mostra di tele e presepi presso la Chiesa della Madonna della Scala

Sabato 6 dicembre alle ore 18.30, presso la Chiesa della Madonna della Scala, in Via Duomo #237, verrà inaugurata la collettiva di tele e presepi Natale con gli artisti, a cura del maestro Nicola Giudetti.
I presepi in esposizione concorrono al primo premio di un certame di arte presepistica, indetto dalle associazioni culturali Fratelli Rosselli e Madonna della Scala. In giuria, presieduta dal maestro Giudetti, anche il poeta e attore Luigi Pignatelli, ospite del vernissage assieme agli artisti dell’Hermes Academy.
La partecipazione è libera e gratutita.

PENSIERO POSITIVO...CON L' ACTOR COACH LUIGI PIGNATELLI

Venerdì 5 dicembre alle ore 15.30 presso la comunità terapeutica “Il Delfino”, in località San Vito a Taranto, torna il laboratorio di scrittura e drammatizzazione tenuto dall’actor coach Luigi Pignatelli, per mezzo del quale gli ospiti, venti uomini tarantini e napoletani la cui età anagrafica varia tra i 19 e i 56 anni, stanno avendo modo di scoprire, ampliare, modificare, incrementare, trasformare il vissuto intrapersonale, interpersonale e sociale, in un percorso di rinascita dopo il tunnel della tossicodipendenza.
Nel corso dell’incontro odierno, avranno luogo le prove per la performance di teatro sociale prevista, all’interno della struttura, per la settimana che precede il Natale.

Alle ore 20.00, per il XXXVI appuntamento del ciclo “Cosa c’è di Diverso?”, presso il Cantiere Maggese in Via Cava, la Compagnia Teatrale Hermes proporrà lo spettacolo di teatro sociale “Pensiero Positivo”, incentrato sul tema dell’HIV, scritto ed interpretato da coloro i quali seguono il laboratorio di scrittura e drammatizzazione gratuito offerto da Hermes Academy Onlus – Arcigay Taranto a donne vittime di violenza, omosessuali, transessuali, diversamente abili e persone con problematiche psichiche.
La partecipazione è libera e gratuita.

Le iniziative rientrano nella quinta edizione di “(At)Tratti d’Arte”, rassegna di incontri socio-culturali promossa, dal 29 novembre al 6 dicembre, dall’Associazione Culturale Hermes Academy Onlus – Arcigay Taranto, in collaborazione con il SERT, l’Istituto di Istruzione Superiore LISIDE di Taranto, la Compagnia Tarantanz, la Compagnia Teatro dei XXIII di Catanzaro, il Circo della Magna Grecia, Strambopoli – La Città degli Artisti e Il Salotto delle Muse. La kermesse è finalizzata alla sensibilizzazione, alla prevenzione e al contrasto a malattie sessualmente trasmissibili, fenomeni di omofobia, transfobia, bullismo, violenza di genere, nell’ambito delle attività del Centro di Ascolto LGBTIQ di Taranto e Provincia, che godono del Patrocinio Morale del Comune di Taranto e dell’Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Taranto.

* * *

Per conoscere meglio questa realtà associativa, iscrizioni ai corsi promossi dall’Hermes Academy Onlus, proposte e qualsiasi altra necessità contattare il numero +39 346 622 6998 oppure l’indirizzo email luigi_pignatelli@hotmail.it

LA CURVA NORD IN SILENZIO...

"Questo inizio campionato del Taranto
per ora ha decisamente deluso quelle che erano le nostre iniziali aspettative, inutile negarlo. Nonostante ciò, tra l’altro, ancora non sono ben chiari quelli che sono gli obiettivi stagionali della società, se si aspira alla promozione, ad un ennesimo campionato di transizione o ad una tranquilla salvezza, forse ciò non ci è dato saperlo, ma sicuramente la pianificazione della situazione debitoria non è un obiettivo calcistico, come non lo è l’affermare che si tenterà alla promozione; il Taranto non è un gratta e vinci con il quale si tenta attraverso la fortuna di allietare le sorti future. La squadra è palesemente incompleta e anche se delle volte sortisce un calcio decente, il divario tecnico emerso negli scontri diretti giocati sinora è piuttosto evidente, come è evidente che la rosa richiede rinforzi immediati e non solo di tre elementi, come più volte affermato. Ci hanno accusato di essere troppo pretenziosi, ma crediamo sia il minimo per una piazza come quella di Taranto, dove ogni società o Presidente subentranti devono essere consapevoli che le ambizioni di campionato, se non da promozione, devono essere quantomeno da vertice, a maggior ragione se si considera un campionato di serie D, nel quale tre anni di militanza, sono già troppi per essere di transizione. A Potenza sugli spalti abbiamo dimostrato quello che davvero è la nostra tifoseria; siamo stati sostenitori di noi stessi e dei nostri colori poiché la squadra in campo, a lunghi tratti priva di cattiveria e rabbia agonistica, non meritava di certo il nostro sostegno. In virtù di ciò i Gruppi della Curva Nord, in occasione della prossima gara interna con il Grottaglie, si asterranno dal tifare per i primi 45 minuti di gioco, sperando che il nostro assordante silenzio possa essere un segnale tangibile che porti tutti alla riflessione, dai calciatori al mister, dalla società allo staff tecnico nessuno escluso."

martedì 18 novembre 2014

DECRETO "SALVA TARANTO"

Dall’agosto caldo tarantino ben sei provvedimenti sono stati approvati dal governo italiano per garantire la continuità dell’attività produttiva dell’acciaieria più importante d’Europa, a danno dell’ambiente e della salute di Taranto e della sua popolazione. Si affaccendano ancora i nostri governanti nel far credere agli elettori che stanno provvedendo, ma l’unica cosa che si muove è l’aria attorno a loro quando pronunciano, compiaciuti pure, quei discorsi importanti di tutela del territorio, della salute che rimangono tuttavia lettera morta.
 
E qui s’incardina l’iniziativa dello “straniero”, di una connotazione altamente provocatoria, concreta e fattibile, che fa comprendere come, solo a volerlo, già da tempo ci si sarebbe potuti attivare, senza che i pensatori delle alte sfere,si  rigirassero ulteriormente i pollici impegnati a “cogitare”.

Ed ecco l’alter ego dei decreti salva ilva, il DECRETO “SALVA TARANTO”, che contiene le disposizioni urgenti per la determinazione del danno ambientale, l’avvio delle bonifiche e il rilancio economico e occupazionale del territorio.

La procedura, dettata in ragione della grave situazione ambientale, sanitaria e sociale, cari pensatori, invero è di una semplicità, logicità e tempestività estrema! Il Ministro dell’Ambiente, nel termine perentorio di 45 giorni dall’approvazione del decreto, “dovrebbe” procedere alla determinazione del danno ambientale e sanitario a Taranto così come previsto dalla direttiva comunitaria sulla responsabilità ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale nonché dall’art. 18 L. 349/86 così come modificato dal D.lgs. 152/2006 parte VI che ha previsto la responsabilità extracontrattuale per danno ingiusto all’ambiente (ovvero verificatosi a causa di violazioni di legge), affidando la competenza al giudice ordinario.
Eh già, cari pensatori, esistono le norme che consentono di accertare il danno, basta applicarle.
 

Definito il danno, il Ministero “dovrebbe” trasmettere, entro 7 giorni,  gli atti alla Procura della Repubblica di Taranto per consentire ai P.M. di svolgere il loro lavoro, anziché paralizzarne ogni azione, affinché si proceda nei confronti dei soggetti che hanno causato il danno ambientale, con contestuale sequestro dei beni mobili e immobili, titoli della proprietà per l’equivalente della somma prevista dal danno ambientale.
In tal modo si “reperirebbero” in parte le risorse necessarie per la realizzazione della messa in sicurezza e delle bonifiche e il relativo risarcimento dei danni da illecito.
Cosa si potrebbe fare nel caso in cui il Ministero non rispettasse i termini? Incaricare un collegio di periti che sostituirebbe il Ministero nell’espletamento degli “incombenti”.
Attraverso l’istituzione di una struttura “TARANTO LIBERA”(composta da 15 membri di comprovata esperienza, autorevolezza e professionalità a livello internazionale) poi si “potrebbe” puntare alla conversione economica industriale per realizzare un sano rilancio dell’economia.
Come? Attribuendole poteri di pianificazione urbanistica, di attivazione di procedure per il rilascio di autorizzazioni all’esercizio di attività commerciali e imprenditoriali, di utilizzazione e gestione dei fondi europei, statali e regionali per procedere alle bonifiche e al rilancio economico dell’area industriale. Come procedere ancora? il governo “dovrebbe” dichiarare Taranto e Statte AREA NO TAX con la conseguente defiscalizzazione di tutte quelle imprese che investano in settori non a carattere insalubre (biomedica, nanotecnologie, turismo, etc..). “TARANTO LIBERA” entro 8 mesi “dovrebbe” quindi approvare un piano per la conversione industriale dell’area, indicando con bando pubblico internazionale criteri e termini per la presentazione dei progetti d’impresa , con conseguente accesso a determinati benefici (ad es. eliminazione accise, riduzione bolletta elettrica , riduzione Irap e Ires, partite Iva agevolate etc..)
Tutto qui cari pensatori. E per chi non concordasse si può solo rispondere che, nell’ambito di un sano confronto, è lecito non essere d’accordo. Tuttavia, questo, allo stato, è l’unico progetto realizzato per salvare la nostra Terra. Un progetto della cui validità non si può dubitare, visto che ha previsto, nel dettaglio, ogni aspetto che “potrebbe”rilevarsi determinante alla salvezza: il fondo temporaneo di sostegno per l’agricoltura e la mitilicoltura, la riqualificazione, trasformazione e rigenerazione urbana e ambientale a partire dai suoli contaminati. Ha previsto finanche le infrastrutture da realizzare per potenziare, ad esempio, il porto commerciale e le ferrovie, gli interventi di bonifica e di rigenerazione urbana e ambientale, il recupero della splendida Città vecchia, ingegnandosi altresì sul modo di reperire strumenti e risorse a livello non solo  europeo e statale ma anche in virtù del principio tutto tarantino “chi inquina paga”, ormai cavallo di battaglia della nostra Taranto, bella, splendida, meravigliosa… nonostante tutto.
DI ALESSIA SIMEONE

 

lunedì 17 novembre 2014

TENNIS TAVOLO PANTALEO TARANTO, VINCE E RESTA IN VETTA

Alessandro Piaccione in foto
Tutto come da previsione. Anche Castellana 'B' scivola sulla Olio Pantaleo, e in malo modo. Un monologo prettamente tarantino, dal primo all'ultimo incontro, consumatisi nello stretto giro di un'ora e mezza: l'orgasmo agonistico, pertanto, pare alquanto precoce. Un autentico manifesto a sfavore del siffredismo pongistico.

D'altro canto, il reggimento del maresciallo Čekić, al completo e in ottima salute, già nella fase di riscaldamento palesa il suo febbrile desiderio di triplicare il numero di vittorie conseguite sin dal debutto in B2, sotto lo sguardo attento di Massimo Occhinegro. Sulla sponda opposta, il manipolo di capitan Coletta (già la scorsa settimana in perlustrazione a queste latitudini, in occasione della gara amichevole con squadra maggiore) prova a tenere alta la concentrazione, in funzione di una grande impresa che la proietterebbe al di fuori dalle sabbie mobili della classifica.


Pronti, partenza, via. Piaccione opposto a Coletta. La stella dei due Mari ingrana dapprincipio la quinta, benchè l'arancione acceso dall'elettrico barese lo costringa ad accelerare: 3 a 1 e la Pantaleo passa in vantaggio. Un niagara di applausi si abbatte sul tavolo blu di via Viola. Il raddoppio è opera del decano Gasic: il gigante sloveno liquida per 3 a 0 Bianco, fornendo l'assist per la tripletta a Stamenkovski, che contro il quotato Diciolla non sbaglia (il nazionale macedone ha la meglio per 3-0). A porre il successo in ghiacciaia, ancora Gasic, che regala altresì a Coletta -il Moscardelli del tennistavolo pugliese- l'ebbrezza di un set vinto. In camera caritatis, un accigliato Šabo Čekić, non avente alcuna intenzione di regalare il pur minimo punticino agli avversari, ben istruisce in tal senso Piaccione e la sua truppa: al 16enne talento ionico l'onore di stappare lo 'champagne', a seguito del 3-1 su Diciolla.

Sorrisi, pacche e benevoli sfottò tra atleti e astanti, a corollario di una impeccabile prestazione. Prossimo episodio, sabato 22, allorchè, al cospetto dell'impetuoso Casamassima, sara d'uopo fare sul serio.

Sonora sconfitta per il Gruppo Expert. Alla Givova il derby tarantino di D1.

Un poderoso k.o. interno, forse non auspicabile. Si consuma così il weekend del Gruppo Expert Taranto, che, nel Girone A di C2, deve arrendersi ai colpi del C.T.T. Molfetta, il quale, benchè quotato, ha trovato spianata strada del successo. Priva dell'esperto Marossi (in qualche modo determinante la sua assenza), la seconda compagine affiliata al C.T.T. non entra mai in partita, concedendo agli avversari la possibilità di chiudere l'incontro in breve tempo. Con la seconda sconfitta di fila incassata, urgerà pertanto una riflessione.

In D1, invece, una strepitosa Givova si aggiudica il derbyssimo contro il C.T.T. dei veterani, mantenendo la testa della classifica. Due punti cadauno per Di Castri e Tundo, più il sigillo di Vipera, servono per regolare la più anziana squadra ionica, che può ad ogni modo portare a casa la soddisfazione di un punto conquistato da Natali. Un duello generazionale che ha offerto emozioni e spettacolo dall'inizio alla fine.

In Serie D2, sconfitta per 5 a 0 del C.T.T. dei piccoli, che cade in casa del Magna Grecia "B".

Aldo Simonetti
Addetto Stampa A.S.D. C.T.T. Taranto

venerdì 14 novembre 2014

TARANTO FC E FERRARI: CONTO ALLA ROVESCIA

Presentato ufficialmente in conferenza stampa questa mattina a Palazzo Pantaleo l’evento denominato ‘Art.24 Diritto alla Salute – Un Sorriso per la vita’ organizzato dalla Scuderia Ferrari Club Taranto del presidente e Coordinatore Elio Dalto. Presente anche una delegazione del Taranto Football Club 1927 rappresentato dal direttore operativo Domenico Napoli e il responsabile dell’area tecnica Francesco Montervino. L’evento si svolgerà mercoledì 19 novembre 2014 presso lo stadio Erasmo Iacovone dove a partire dalle ore 15 si susseguiranno eventi sportivi ed attività che avranno come unica finalità quella di recuperare fondi per la realizzazione del Reparto di Oncoematologia Pediatrica all’ospedale Moscati di Taranto. Questo il calendario delle manifestazioni: alle ore 15:00 La Polizia Municipale di Taranto, l’ANT e una rappresentanza delle Forze Armate svolgeranno un triangolare di Calcio. Alle ore 18:00 si svolgerà un mini torneo tra 17 Scuole Calcio della Provincia di Taranto. Alle ore 20:30 si svolgerà la partita tra Scuderia Ferrari Club Taranto e il Taranto FC 1927. L’obbiettivo comune della Scuderia Ferrari Club Taranto e del Taranto Football Club 1927 è coinvolgere tutto il territorio ionico per raggiungere l’obbiettivo finale, ossia la beneficenza. Chi vorrà assistere all’evento potrà farlo acquistando i biglietti già in vendita al costo di 7 euro presso tutti i punti autorizzati Bookingshow e il giorno stesso dell’evento al botteghino dello stadio Erasmo Iacovone.


di comunicato stampa

giovedì 13 novembre 2014

NOSSA COPA É NA RUA...l’urlo delle piazze e delle favelas lontano dai riflettori della Coppa del Mondo di calcio

L’associazione Culturale “Le Muse Project”
presenta

NOSSA COPA É NA RUA
Il Brasile in lotta: l’urlo delle piazze e delle favelas lontano dai riflettori della Coppa del Mondo di calcio 
Un reportage di Luigi Spera


Sabato 15 novembre 2014, dalle ore 18.00, presso il Cantiere Maggese, Largo San Gaetano, nel Borgo Antico della Città di Taranto, il giornalista/fotoreporter Luigi Spera presenterà il reportage NOSSA COPA É NA RUA. Il Brasile in lotta: l’urlo delle piazze e delle favelas lontano dai riflettori della Coppa del Mondo di calcio. “La nostra Coppa del Mondo è per strada” (Nossa Copa è na rua), è stato uno dei principali slogan dei manifestanti brasiliani nelle proteste sociali scoppiate in tutto il Paese a partire dal giugno 2013 e poi durante i Mondiali di calcio del 2014. Luigi Spera ha voluto immergersi nella realtà locale, per raccontare la realtà nascosta dalla propaganda ufficiale e dalla rappresentazione spesso per stereotipi della quotidianità brasiliana e carioca. Trasferitosi per alcuni mesi a Rio de Janeiro ha seguito tutte le proteste e le manifestazioni in strada di quei giorni per raccontare, sperimentandola, anche la dura repressione della polizia. Ha poi approfondito le condizioni ‘imposte’ al popolo delle favelas e dei senzatetto per lo svolgimento dell’evento internazionale.

Quello che presenta è un corposo portfolio fotografico, alcuni video documentari e un articolato web reportage. Materiale che verrà presentato dall’autore insieme a 10 scatti in bianco e nero che saranno in esposizione a parete. Un complesso ed emozionante viaggio attraverso l’asfittica realtà quotidiana e le aspirazioni a una vita migliore del popolo del Brasile, uno dei luoghi al mondo dove più evidenti e drammatiche sono evidenti le feroci contraddizioni della contemporaneità globalizzata.  L’interessante portfolio sarà in mostra presso la sala espositiva del Cantiere Maggese da venerdì 14 novembre a domenica 16 novembre. L’incontro con l’autore, con le proiezioni, si terrà alle 18.00 di sabato 15 novembre 2014 presso lo stesso Cantiere Maggese. Introduce all’incontro la dott.ssa Silvana Pasanisi. L’ingresso all’evento è libero.
Info sull’autore
Luigi Spera, classe 1982, inizia a scrivere giovanissimo. Assunto dal quotidiano campano Metropolis, dove si occupa principalmente di cronaca nera e giudiziaria soprattutto in relazione al fenomeno della criminalità organizzata, diventa giornalista professionista a 25 anni. Nello stesso periodo collabora con alcune testate nazionali tra cui Il Mattino, Europa, L’Unità e il sito dell’associazione antimafia Libera. Laureato in Scienze Politiche alla Federico II di Napoli, segue un “Master in Giornalismo Internazionale” presso Institute for Global Studies e, in seguito, consegue un diploma di specializzazione in “International Security Studies”. Accreditato presso lo Stato Maggiore della Difesa italiano, ha avuto esperienze come giornalista ‘embedded’, tra cui quelle in Afghanistan e in Kosovo. Da freelance ha seguito gli sviluppi della crisi siriana a distanza e sul posto con un viaggio in Medio Oriente nel settembre 2013. Inoltre, è stato autore e conduttore della trasmissione “Proiezioni Estere”, quindicinale di politica estera in onda su Radio Siani nella stagione 2013/2014.
Da diversi anni rivolge grande attenzione alla cultura e alla società del Brasile, passione che lo porta a concentrarsi in maniera particolare sui fenomeni delle favelas, del crimine organizzato e delle politiche di sicurezza pubblica, in particolare la recente opera di pacificazione delle favelas di Rio de Janeiro con la Upp. Sul tema ha scritto un libro in pubblicazione a inizio 2015. Trasferitosi per alcuni mesi a Rio de Janeiro nel 2014, ha coperto per l’intero periodo gli eventi legati al Mondiale di Calcio Brasil 2014 con numerose inchieste, pubblicazioni di articoli, reportage, fotoreportage e videoreportage per raccontare la realtà del Paese ‘dietro’ la coppa del mondo di calcio, pubblicati per le maggiori riviste giornali italiani. Come giornalista e fotoreporter freelance pubblica regolarmente con Il Fatto Quotidiano, Limes, Il Corriere della Sera, Reset, Huffington Post, Wired, Linkiesta e altre testate nazionali. Dal marzo 2014, collabora con l’agenzia fotogiornalistica Controluce/Afp.

Per info: lemuseproject@hotmail.it
Ufficio stampa “Le Muse Project”

martedì 11 novembre 2014

IL LUNGO E SACRO 22 NOVEMBRE TARANTINO...

Si festeggia il 22 novembre Santa Cecilia, nobile romana, che si convertì al cristianesimo la sera delle nozze con Valeriano, convincendo anche il coniuge a convertirsi. Secondo la tradizione, un certo Almachio, dopo aver fatto decapitare il marito, per impossessarsi dei suoi beni, la fece immergere in liquidi bollenti ma ne uscì illesa e, per riuscire ad ucciderla, ne ordinò la decapitazione. Si narra che però sopravvisse per tre giorni ed ebbe il tempo, prima di spirare, di donare tutti i suoi averi ai poveri. Si racconta che durante la cerimonia nuziale, "mentre risonava la musica, Cecilia in cuor suo cantava la sua preghiera” e per questo fu consacrata patrona dei musicisti.
Con i festeggiamenti di Santa Cecilia, a Taranto, inizia l’Avvento, che in genere in altre località prende il via il giorno dell’Immacolata o, al più tardi, il giorno di Santa Lucia. 

All’alba del 22 novembre risuonano per la città le “pastorali”composte dai maestri tarantini del lignaggio di Giovanni Ippolito, Giacomo Lacerenza, Domenico Colucci e Carlo Carducci, ispirate alle melodie suonate dai pastori abruzzesi, che durante la transumanza, arrivavano nelle nostre terre con le greggi, barattando il diletto dato alle genti col suono delle loro zampogne, ciaramelle e cornamuse con del cibo. L’atmosfera, tra le musiche e l’odore delle pettole fritte in grandi padelle per le vie della città, sul far del giorno, è davvero magica  e racconta silente, per immagini, la bella storia di tutta la tradizione folkloristica tarantina dell’attesa del Natale.

Ed infatti le genti tarantine offrivano ai pastori, che giungevano affamati nella nostra brulla Terra, le pettole, frittelle di pasta di pane, un  cibo povero e semplice ma al tempo stesso gustoso e nutriente.
Si racconta che il giorno di Santa Cecilia, una donna tarantina si alzò, come faceva in genere, per preparare l’impasto del pane. Lavorò “ u luaf” (il panetto) “int’ u limm” (una grande coppa in terracotta), coprendolo con una “manta di lana” (una coperta di lana), lasciandolo riposare vicino a “fracassé” (l’antica cucina a legna). Udì le melodie degli zampognari e li seguì incantata per i vicoli del paesiello, dimenticandosi dell’impasto. Rientrata a casa, si accorse che la pasta del pane era lievitata troppo ma, senza scoraggiarsi, di quel composto appiccicaticcio ne fece delle palline che buttò a friggere nell’olio caldo. Quella fu la colazione per i figli che, incuriositi dalla novità, chiesero il nome di quelle belle pallozze soffici soffici, gli fu risposto “pettel” (piccola focaccia da “pitta”). Uno dei figli continuò: “ E ‘cce sont?”, “L’ cuscin’ du bambinell” (i guanciali di Gesù Bambino) rispose la madre, che scese per strada ad offrire le pettole ai pastori per ringraziare delle belle melodie suonate.


Da allora la tradizione vuole che il giorno di Santa Cecilia si aprano le porte alle feste natalizie al suono delle pastorali e gustando le pettole calde calde, insaporite con lo zucchero, il miele, il vincotto o addirittura la nutella, iniziamo la giornata tutti quanti più sereni e soddisfatti perché so tropp’bbone e cannarut’, in attesa di gustare tutti gli altri prodotti tipici tarantini del Natale.

A CURA DI ALESSIA SIMEONE

lunedì 10 novembre 2014

Casa Euro Taranto: vittoria di cuore su Venafro

Il Cus Jonico rimonta negli ultimi minuti la Dynamic e torna al successo davanti al suo pubblico. Tutti protagonisti, di Potì i canestri decisivi nel finale.
 
CASA EURO TARANTO – ROMANO GROUP VENAFRO 65-59

Casa Euro Basket Taranto: Bisanti, Giancarli 7, Potì 14, Conte ne, Salerno 5, De Paoli 19, Tabbi 4, Sirakov 16, Pannella ne, Stola ne. All: Leale.

Romano Group Dynamic Venafro: Corrall 14, Montanaro, Moretti 10, Minchella 3, Ferraro, Cardarelli ne, Lovatti 12, Brusello, Petrazzuoli 20, Scafaro. All: Mascio.
Parziali: 12-15, 29-38, 48-54
Arbitri: Marco Leggiero e Pierluigi Marzo di Lecce.
Note, usciti per falli: -; Spettatori: 700
Vittoria sofferta, per questo ancora più apprezzata, per la Casa Euro Basket Taranto. Ci sono delle partita che nascono male ma si possono rimettere in piedi con il cuore come ha fatto il Cus Jonico capace di rifilare un break di 11-0 negli ultimi 3’ alla Dynamic Venafro. Difficile trovare un protagonista al di là dei 19 punti con tripla del sorpasso di De Paoli, i 16 di Sirakov che ha tenuto in corsa la squadra con i suoi canestri, i 14 di Potì che ha messo la firma nelle azioni decisive ma anche la “tigna” di Giancarli, Tabbi e Salerno.
Leale parte con Giancarli, Sirakov, Potì, De Paoli e Tabbi; Mascio risponde con Corral, Moretti, Ferraro, Lovatti e Petrazzuoli.
Taranto si affida all’asse Potì-De Paoli che frutta 4 punti al centro di Pordenone che segna anche due liberi per il 6-2 iniziale. Venafro si sveglia e fa male dalla distanza con 3 triple di fila di Petrazzuoli, che concede il bis, e Lovatti: sul 6-13 Leale ne ha abbastanza e chiama timeout. La pausa rigenera Tabbi ma soprattutto Sirakov che segna due canestri in fila con l’assistenza di Salerno per il -1 prima del tiro di Lovatti per il 13-15 del primo quarto.
Petrazzuoli riparte da dove aveva finito, con tre punti frutto di un canestro più libero. Venafro gioca bene in attacco, a rimbalzo Corral fa la voce grossa e Petrazzuoli-Lovatti fanno la differenza al tiro per il +8 (20-28) che costringono Leale ad un secondo time out. Taranto resta in partita nonostante l’empasse: Potì si sacrifica in difesa e attacco, De Paoli tiene il margine nei limiti e così è il capitano che si carica la squadra sulle spalle segnando il canestro del -3. Ma Petrazzuoli si rimette in ritmo da tre, Moretti lo imita e la Dynamic chiude avanti 38-29 all’intervallo.
Il copione non cambia dopo il riposo lungo con Corral, Petrazzuoli e Moretti a segnare il massimo vantaggio ospite, +13. Il Cus si affida all’estro di Sirakov, 4 punti, e prova a rientrare in partita con la tripla di Giancarli prima e Sirakov poi per il -6 al 27’. Finale di quarto che cambia il punteggio ma non la sostanza: Minchella risponde di tripla a De Paoli, Venafro resta davanti 54-48.
Giancarli e Sirakov, ancora da tre provano il riaggancio ma Venafro rispedisce al mittente il tentativo con Lovatti e Corral: 54-59 al 35’. La palla comincia a pesare e gli errori aumentano vorticosamente nel finale da tutte e due le parti, il sangue freddo ce l’ha Tabbi in difesa e Potì in attacco che segna due canestri che riportano Casa Euro a contatto, -1, a un minuto dalla fine. Il capitano rossoblu è ispirato e ispira la mano di De Paoli che da lontano centro il bersaglio grosso quello del sorpasso, dall’altra parte Ferraro sbaglia la tripla del controsorpasso e Potì, ancora lui, recupera la palla a 18” dalla fine subendo fallo. Dalla lunetta la palla non pesa per il capitano che segna 4 liberi in fila sancendo così il ritorno alla vittoria della Casa Euro Basket Taranto. Finale con giro di campo per salutare il pubblico che ci ha creduto così come tutta la squadra.
Domenica si torna in trasferta, a Mola.

venerdì 7 novembre 2014

I LIBERI E PENSANTI SCRIVONO A MATTEO RENZI

La seguente lettera è stata inviata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, per conoscenza alla Prefettura di Taranto all'attenzione del Prefetto Dott. Guidato e alla Questura di Taranto all'attenzione del Questore Dott. Mangini.

Lettera al Presidente del Consiglio Matteo Renzi - Richiesta d'incontro.

Signor Presidente del Consiglio,

Le scriviamo in merito alla visita che farà a Taranto nei prossimi giorni e che, stando alle indiscrezioni, prevederà anche una visita all'interno dello stabilimento Ilva. In questi anni il Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti ha svolto un importante ruolo negli eventi nevralgici che hanno segnato la storia della città e del siderurgico che ospita. Al proprio interno raccoglie cittadini impegnati in prima linea nella lotta all'inquinamento e lavoratori da anni attivi affinché, proprio in quella fabbrica, il lavoro non fosse solo un moltiplicatore di morte (tanto nello svolgimento delle proprie mansioni quanto coi fumi e i veleni della produzione). Alcuni di loro hanno svolto un ruolo centrale e decisivo anche nell'ambito dell'inchiesta "Ambiente Svenduto" condotta dalla magistratura tarantina. Un esempio su tutti: difficilmente si sarebbe giunti alla scoperta dei fiduciari dei Riva in fabbrica, che operavano come kapò pur non avendo alcun inquadramento aziendale, senza chi vi scrive; senza il mobbing e le angherie subiti da pochi coraggiosi operai spesso osteggiati anche da Cgil, Cisl e Uil. Se oggi non esiste più un "governo ombra" nello stabilimento lo si deve alle nostre scelte. Le scriviamo, dunque, perché il giorno in cui verrà a Taranto non vorremmo contestarla, urlarle contro le colpe che pure il suo Governo ha nella vicenda Ilva.
 Al contrario vorremmo accompagnarla, portarla negli impianti per farle conoscere la "vera" Ilva con gli occhi di chi per anni ha denunciato nel silenzio totale di istituzioni e sindacati (fino all'arrivo dei sigilli della Magistratura). Vorremmo poter esprimere le nostre idee alternative per Taranto, il Sud e l'Italia. La nostra posizione e la nostra storia non possono in alcun modo essere rappresentati dai sindacati e siamo certi che se si limiterà ad incontrare loro non potrà avere una vera idea di cosa è Taranto e di ciò che tutt'oggi accade nell'Ilva. Camminerebbe all'interno della bolla di vetro linda e pulita che sono bravi a decorare per le grandi occasioni. Noi le offriamo la possibilità di un viaggio vero nella carne moribonda del mostro d'acciaio, ma le ricordiamo anche che le organizzazioni sindacali non sono rappresentative di tutti gli operai presenti in fabbrica, bensì solo di una minoranza. Noi le diamo l'occasione di non fare una semplice passerella, e le chiediamo in cambio solo la possibilità di esporle il nostro punto di vista, quelle verità che tanto i sindacati quanto le forze politiche (a cominciare da chi rappresenta in terra ionica il Partito Democratico, l'on.Michele Pelillo) non le racconteranno mai.

A.P.S. Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti

giovedì 6 novembre 2014

NON VI CAPISCO...

TROVIAMO...LEGGIAMO...APPREZZIAMO E PUBBLICHIAMO QUESTO TESTO TROVATO SUL BLOG DI MAURO NOTARNICOLA BLOCK NOTAR

Non capisco. Tutte le volte. Non ho neanche le forze per minacciarli fisicamente. I tifosi da salotto, quelli che mettono la sciarpa sulle ginocchia anziché sventolarla prima, durante e dopo la partita. Quelli che al posto di sorbirsi prefiltraggio, tornelli e puzza di piscio, preferiscono prendere i pop-corn, metterseli tra le gambe e spingere un pulsante su un telecomando. Non li capisco, e mai li capirò. Mi fanno talmente innervosire che mi fanno cadere le braccia per il nervoso. In un certo senso non voglio capirli.
Mi dispiace, amico mio. Mi dispiace che tu non solo rinunci a questospettacolo, ma ti permetta di pagare una televisione privata per goderti un tifo che non esiste. Mi dispiace che tu perda tutto il bello che c’è in una curva, in uno stadio vero, in un pezzo di stadio che diventa casa tua, seppur per un paio d’ore. Mi dispiace che tu non possa vivere come me. Ma soprattutto che tu possa perdere questamagia che si crea tra quelli che sono lì con te.
La mia squadra era in svantaggio. Spingeva, ma senza risultato. E prova di qua, prova di là, a testa bassa. Stavamo sbagliando troppo. E quel ragazzo sotto di me si rivolge a me ogni volta, per dirmi “ma questo è scemo” oppure per dire “ma come fa a sbagliare cose del genere”. Sì, lui non conosce me, io non conosco lui. Non l’ho mai visto, non abbiamo messo mai le nostre mani sullo stesso tavolo per affondarle nel pollo per sbranarcelo, non abbiamo stappato nessuna Peroni né tanto meno abbiamo brindato alla vittoria. Non abbiamo condiviso i taralli pre-partita, e forse mai lo faremo. Non siamo amici su Facebook e, cosa più triste, non siamo reciprocamente follower su Twitter. Niente di più che una faccia, e forse una storia da raccontare.
Ma a quel gol, tutto ciò non contava. Non contava nulla se non che tutti e due eravamo lì per amore e che addosso avessimo una sciarpa con gli stessi colori. Ci siamo abbracciati, senza sapere i nostri nomi, senza sapere dove abitiamo, quanti anni abbiamo e neanche se ci piacciono le orecchiette con le cime di rapa. Niente. Eppure lì, in quello spicchio di mondo dove ognuno è innamorato a modo suo, io e lui ci siamo abbracciati. Non era un gol vittoria, non oso immaginare cosa sarebbe successo. Non era un gol promozione, perché forse gli avrei intestato casa mia. Era solo un gol del pareggio che, per giunta, poteva anche essere inutile pochi minuti dopo. Ci siamo abbracciati, come se non ci fosse un domani. Siamo entrati l’uno nell’amore dell’altro, senza conoscerci e senza neanche stimarci. Non mi importava chi fosse, mi importava ci fosse.
Quando una mia ex collega mi disse:”Io non riesco a capire quelli che vanno ogni domenica allo stadio”, io semplicemente le risposi che doveva venire allo stadio per capire. Perché è così facile fare i tifosi da salotto, perché è facile sparare a zero sulla squadra quando perde. Ma quanto è difficile condividere una passione, che si vinca o che si perda? Quanto è difficile abbracciare una persona sconosciuta, in nome di una non ben definita “fede in comune”? No, il mio stadio non lo cambio con nessuno. Ecco perché tifo per una squadra che posso seguire dal vivo. Ecco perché non capisco più chi tifa per gli squadroni del Nord. Non li capisco perché sono vittima di una magia, di un sortilegio, di un Cupido che aleggia sornione sulle nostre vite di curvaioli. Voi intanto restate a casa, ad abbuffarvi di patatine come se non ci fosse un domani. Sarà bello vedervi spaesati, quando e se verrete in uno stadio vero, fatto di seggiolini in simil-plastica, tornelli e gradoni. Ma ancora più bello sarà vedervi sbraitare e cercare insistentemente un telecomando immaginario, fatto di un materiale invisibile, e con vostra moglie accanto che urla “io non ci vengo più, fa troppo freddo”. #tantononcapirai

autore Mauro Notarnicola 

L’ARIA DI QUEL NATALE FATTO IN CASA di Ivan Scelsa

Vi chiederete come mai a pochi giorni dalla ricorrenza di Tutti Santi e della commemorazione dei defunti abbia deciso di scrivere per parlare del Santo Natale.
Già…il Santo Natale…una festa ormai consumistica, vissuta dalla grande distribuzione con la frenesia di predisporre l’attività per la vendita dei prodotti del periodo, con la forzata voglia di dimenticare velocemente i facili incassi della festa pagana di Halloween a favore della prossima, l’ennesima. 
Ritmi ossessivi e spasmodici, superficiali e consumistici che da anni allontanano il popolo dalle sue tradizioni più vere, quelle che univano la famiglia.
Ed è così che rileggendo le pagine di “Quel Natale fatto in casa”, magnifico libro di Nicola Caputo, mi riapproprio di tradizioni lontane, rivivo la voglia di quelle feste vissute nella tradizione, tra i preparativi della nonna e l’attesa della celebrazione liturgica che precede la mezzanotte Santa.
Viaggiando con la mente risalgono dalla memoria, inebriato da quegli odori che ancora mi pervadono a distanza di anni rinsaldando le mie origini.
I giochi natalizi… tombola, mazzetto, stoppa, mercante in fiera, pipecchia, sette e mezzo: giocati per ore intorno ad un tavolo in quel clima festoso della vigilia, inebriati dall’odore di fritto che inevitabilmente pervadeva cuore e vestiti in ossequio ad una tradizione a cui le nostre mamme, le nostre nonne, mai avrebbero rinunciato. 
Sanacchiùdere, carteddàte, bucchenòtte, pezzette cannèlle e fave de zucchere… che dolci ricordi.
E così, col groppo in gola, tutto d’un fiato, mi ritrovo a canticchiare quei versi di Cosimo Acquaviva che recitano così:   

Nenna-nenna
nenna-nonna
à parturite la Madonne,
à fatte nu belle bammine
vianche, russe e ricciutine.

La sua mamma lu pigghi’e e lu ‘nfasse
S.Geseppe l’allisce la facce,
e le strenge chidde piedine,
durme-durme Gesù bammine.


SCRITTO DA IVAN SCELSA

martedì 4 novembre 2014

Si parla di Giorgio Strehler al nuovo appuntamento de “Il profumo di un Libro”

Continua la decima edizione della kermesse di Arti Sceniche, Visive e Letterarie “Hermes Art Festival”, promossa dall’Associazione Culturale Hermes Academy Onlus, in collaborazione con il Cantiere Maggese, la ProLoco di Taranto e numerose altre associazioni. Persone di età ed estrazione sociale diverse, professionisti nel campo artistico-culturale, socio-assistenziale, economico-legislativo, scientifico-tecnologico, riunitisi sotto la denominazione associativa Hermes Academy Onlus a partire dal 2005, articolano emozioni tutti i giorni: 365 giorni l’anno, l’Arte incontra il sociale, l’Arte intesa come strumento di denuncia, di affermazione, di lib(e)rAzione e di rinascita, nella culla della Magna Grecia ed oltre.

Si parla di Giorgio Strehler al nuovo appuntamento de “Il profumo di un Libro”
Presso il Cantiere Maggese, laboratorio urbano patrocinato da Regione Puglia e Comune di Taranto, nella struttura che ospitava la Chiesa di San Gaetano, sull’omonimo slargo, nel cuore del centro storico, tra Via Garibaldi e via Cava, a partire dalle ore 17.00 c’è la consueta attività di accompagnamento allo studio per i piccoli isolani, a cura di Isabella Convertino, Luigi Pignatelli, 

Francesco Bon e altri volontari della Cooperativa Carisma e dell’Associazione Culturale Hermes Academy Onlus, che ogni giorno dal lunedì al venerdì coadiuvano gli studenti nello svolgimento dei compiti e nell’educazione alla lettura e alla ricerca. Il percorso si arricchisce di una collaborazione istituzionale: il martedì e il giovedì mattina, nell’ambito delle attività di sportello del Centro di Ascolto LGBTIQ presso la Biblioteca Comunale Acclavio, sita in Via Salinella, i bambini hanno modo di conoscere il Palazzo della Cultura e di scoprire la bellezza, il profumo, le sensazioni tattili legate ai libri e alle infinite possibilità di creazioni che il rapporto con questi genera.

Alle ore 19.00 torna il percorso di scrittura e drammatizzazione “Sulla rotta di Artaud”, coordinato dall’acting coach Luigi Pignatelli, rivolto sia a chi intende intraprendere seriamente lo studio delle tecniche di interpretazione, sia a chi vuole semplicemente mettersi in gioco e sperimentare nuovi metodi di ricerca e di comunicazione. Per info e iscrizioni, rivolgersi al +39 346 622 6998.

Alle ore 20.00 l’Hermes Academy Onlus propone, nella struttura che ospitava la Chiesa di San Gaetano, sull’omonimo slargo, nel cuore del centro storico, tra Via Garibaldi e via Cava, il nuovo appuntamento del ciclo di happening “Il Profumo di un Libro”: ciascuno porta un libro a sé caro, né racconta brevemente la sinossi, legge un passaggio significativo e racconta le emozioni suscitate dalla prima lettura. Nell’ambito dell’incontro, l’attore Luigi Pignatelli e i suoi allievi daranno lettura di alcune pagine tratte da saggi di Giorgio Strehler. La partecipazione è libera e gratuita.
«[…] io so e non so perché lo faccio il teatro, ma so che devo farlo, che devo e voglio farlo facendo entrare nel teatro tutto me stesso, uomo politico e no, civile e no, ideologo, poeta, musicista, attore, pagliaccio, amante, critico, me insomma, con quello che sono e penso di essere e quello che penso e credo sia vita. Poco so, ma quel poco lo dico…»

Figura fondamentale nella storia del teatro, Giorgio Strehler fondò, insieme a Nina Vinchi e Paolo Grassi, il Piccolo Teatro di Milano, situato in via Rovello ed inaugurato il 14 maggio 1947 con lo spettacolo L’albergo dei poveri di Maksim Gorkij. Nella sua lunga attività, Strehler si collega alla tradizione italiana ed europea, e alle più recenti teorie novecentesche dell’arte drammatica, con riferimento alle lezioni, tra gli altri, di Bertolt Brecht, Antonin Artaud e Louis Jouvet. Attenzione viene data all’uso dello spazio scenico, dei ritmi spettacolari e all’illuminazione.

lunedì 3 novembre 2014

VIVO, MORTO O...TARANTO...

Taranto, ricca di risorse mai sfruttate a dovere a scapito del giusto rilancio, cui dovrebbe tendere a occhi chiusi per tutto il “buono” che il territorio offre.
Una immeritata penalizzazione che relega la realtà jonica in un angolo angusto da cui, nonostante tutti gli sforzi, non riesce ad uscire.

Ritenuta per un verso strategica per la siderurgia, un’eccellenza che non può certo subire scardinamenti a causa del dramma ambientale in atto, negato, sottaciuto, sottovalutato, consapevolmente o meno, defraudata per altro verso di altrettante realtà che costituirebbero la giusta alternativa, se adeguatamente valorizzate, ad una seria rifioritura del territorio.

Ma invece di scegliere di piantare il seme della rinascita si continua a scegliere il seme dell’inerzia e della distruzione: accettare il ricatto occupazionale dell’Ilva, credendo in una impossibile, allo stato, riconversione dell’industria, acconsentire al progetto TEMPAROSSA contribuirebbe solo all’ulteriore distruzione di un territorio e dei suoi cittadini, che hanno bisogno di tirare il fiato un attimo e dedicarsi ad una ricostruzione solida e semplice al tempo stesso, che parta dal recupero dei frutti che offre la propria Terra.

Se negli ultimi anni, i beni archeologici e la rinnovata veste del Museo tarantino sta rilanciando la storia e la cultura tarantina, sembra invece che, in altri ambiti, si susseguano una serie di opportunità mancate, perché non si è saputo coglierle o perché non si è saputo lottare.

Si assiste così ad una lenta ma inesorabile perdita di realtà industriali significative per una sana crescita socio-economica del paese in linea con la naturale vocazione territoriale; un esempio fra tutte di realtà perdute sono i Cantieri Tosi.

Manca quel “quid pluris” che consenta alla città di stare al passo delle altre pugliesi che continuano a farla da padrona. Manca una classe politica compatta, che smetta i panni della litigiosità e cominci ad individuare comuni strategie vincenti al fine di valorizzare e rilanciare il territorio, facendosi sentire a livello locale e nazionale.

 “Mancanze” , troppe e talmente gravi, che  hanno finito col penalizzare irrimediabilmente la nostra bella Taranto che assiste, giorno dopo giorno, alla perdita di qualche pezzo, importante o meno, di un puzzle, che non sarà mai terminato, a scapito della migliore possibile qualità della vita che si possa realizzare in ogni città che si definisca davvero moderna.

Il sistema ferroviario è ormai inesistente, viste le innumerevoli soppressioni dei treni, che costringono il viaggiatore tarantino ad arrivare a Bari per poter partire; il sistema aereoportuale paradossalmente non decolla: Grottaglie spera in un “ripescaggio” a seguito della nomina della città di Matera a capitale europea della cultura.

Ancora alto è il rischio di vedere l’Autorità Portuale assoggettata e forgiata alle esigenze dell’Autorità Portuale barese, che la spoglierebbe di fatto di ogni significativa e reale occasione di apportare miglioramenti alla città.

Che dire poi dell’università ionica, autonoma solo sulla carta, ma che di fatto perde corsi di laurea (Scienze e tecnologia della moda; scienza della maricoltura, Professioni sanitarie), tutti trasferiti a Bari con tanto di risorse e progetti? 

Al bando dunque i contentini; incamminiamoci verso un’affermazione totale della nostra tarentinità.

Di ALESSIA SIMEONE

giovedì 23 ottobre 2014

La Gravina di Riggio a due passi da Taranto

 Il nostro territorio è sovrastato dalle propaggini delle Murge dalle quali scendevano al mare canali d'impluvio che hanno creato gravine lungo i quali si è sviluppata la civiltà. Percorrendo queste gravine si ha la possibilità di ammirare stupendi affreschi basiliani, cripte e suggestive grotte.In queste gravine vegetano anche rare piante di eccezionale valore botanico, utilizzate in passato per curare alcune malattie.


La Gravina di Riggio: per la sua estensione, la sua vegetazione e la sua storia è la Gravina simbolo di Grottaglie. Un corso d'acqua sì immette in essa con una cascata e la percorre interamente nei periodi di massima piovosità. La rigogliosa vegetazione, composta per lo più da piante officinali ed arbusti, e la presenza di numerosissime grotte creano un paesaggio unico e suggestivo. Per la sua struttura rupestre, conpateti scoscese, sentieri erti e grotte nascoste, è stata ritenuta luogo sicuro sin dalla preistoria; infatti vi sono segnali di frequentazioni umane in ogni periodo storico. Le sue grotte sono di tipo abitativo, di culto e di attività. Bellissimi sono la chiesa-cripta del Salvatore, con affreschi del X e XI secolo; il complesso di grotte denominato "Cenobio" ed illaghetto circondato da grotte a più piani "Caggione", nonchè la cosiddetta grotta "Farmacia".  

La Gravina di Penziere:non meno estesa di quella di Riggio, a differenza di questa presenta una vegetazione più povera; interessanti sono i resti del villaggio medievale (Casalpiccolo) venuti alla luce con gli ultimi scavi archeologici.  

La Gravina del Fullonese: ha visto il periodo di maggiore splendore abitativo con l'insediamento della comunità ebraica che ha dato origine ai conciapelli, ceramisti e "fisculari". Molto bella era la chiesa del S.S. Pietro e Paolo con un meraviglioso caIvano oggi quasi completamente distrutto. 

“Poeti dall’inferno”: Verlaine e Rimbaud al cineforum LGBTIQ

Continua la quinta edizione della kermesse di Arti Sceniche, Visive e Letterarie “Hermes on Streets Autumn’s Festival”, promossa, dal 30 settembre al 30 ottobre, dall’Associazione Culturale Hermes Academy Onlus, in collaborazione con il Cantiere Maggese, la ProLoco di Taranto e numerose altre associazioni, al fine di riscoprire, valorizzare e conservare la memoria storica locale, educare le nuove generazioni (e non solo) alla bellezza, alla diversità e allo sviluppo sostenibile, attraverso mostre di arte visiva, reading, recital, proiezioni, lectio magistralis, presentazioni di libri, escursioni, happening e concerti.
Nuovo appuntamento con il Cineforum LGBTIQ a cura di Arcigay Taranto
Sabato 25 ottobre, l’Associazione Culturale Hermes Academy Onlus – Arcigay Taranto invita i propri soci presso la sede in Via Pupino #90, nel cuore del borgo umbertino di Taranto, dove a partire dalle ore 21.00, per il ciclo “Cineforum” dedicato alle tematiche LGBTIQ, verrà proiettato “Poeti dall’inferno” (titolo originale Total Eclipse), film del 1995 diretto da Agnieszka Holland. La sceneggiatura, basata sulle lettere e sulle opere Paul Verlaine e Arthur Rimbaud, rievoca il triennio 1871-73 dell’amicizia tra i poeti francesi che, almeno da parte di Verlaine, fu una vera passione omosessuale. A cuasa della presenza di Mathilde, giovanissima e benestante moglie del bisessuale Verlaine, il tormentato rapporto tra i due poeti si trasforma in una partita triangolare, che Agnieszka Holland e il commediografo Christopher Hampton raccontano in modi espliciti e crudi, tanto da meritarsi in Italia il divieto ai minori di 18 anni. Il film ha suscitato scandalo per il bacio tra Thewlis e DiCaprio, la scena di sesso piuttosto esplicita e per le due, seppur fugaci, scene di nudo frontale integrale, sia di DiCaprio che di Thewlis.
La partecipazione alla proiezione è libera e gratuita. Occorre però prenotare al +39 346/6226998.
La critica più forte mossa al film, girato tra Anversa, Parigi e Gibuti, e alla sceneggiatura (un pezzo teatrale di Christopher Hampton del 1967, il quale appare nel film nel ruolo del giudice belga) è che non sviluppino pienamente l’importanza che la relazione “maledetta” dei due poeti ebbe nello sviluppo del Simbolismo. Si tratta quasi di uno sceneggiato televisivo, fedele e accurato, ma che non indaga la psicologia dei personaggi. Il film si svolge solo nella descrizione del peggior momento della relazione e nelle conseguenze disastrose del loro rapporto; la mancanza di una visione di quello che erano i due prima del loro incontro rende incomprensibili gli sviluppi successivi e il senso quasi morboso del loro legame da parte di Verlaine.
Alcune curiosità: il ruolo di Rimbaud doveva essere interpretato originariamente da River Phoenix, ma il ventitreenne attore morì prima che le riprese cominciassero; John Malkovich era stato scelto inizialmente per il ruolo di Paul Verlaine; David Thewlis aveva rasato parte della testa per assomigliare a Verlaine.
1873: a Parigi il poeta Paul Verlaine invita nella sua casa il sedicenne squattrinato Arthur Rimbaud, poeta non affermato ma pieno di desiderio di conoscere la vera essenza delle cose. Verlaine rimane sconvolto da queste tesi formulate da una mente così giovane e comincia così ad instaurare un rapporto di amicizia sempre più forte ed intenso da diventare alla fine un vero e proprio sentimento d’amore nei confronti di Rimbaud. La loro omosessualità però non è molto amata dalla gente del posto e specialmente dalla giovane moglie di Paul e dai familiari contadini di Arthur, che lo considerano fuori di testa. Le cose si complicano quando Arthur comincia a cadere in un profondo stato di depressione e decide, durante un viaggio dei due a Londradi partire per l’Africa ed ha una violenta lite con Paul che gli spara. Paul già da tempo era depresso, sin dal primo momento che ha amato Arthur, dato che la moglie odiava questo suo sentimento. Paul aveva anche picchiato violentemente sia la moglie che il suo pargolo per i vari rimproveri che la consorte gli faceva a proposito della sua amicizia troppo spinta con Rimbaud. Rimbaud, ferito gravemente ad una mano dal colpo di Paul, sopravvive ma il rapporto tra lui e il poeta parnassiano è ormai spezzato. Infatti Arthur decide di partire da solo per l’Africa, dimenticandosi di Verlaine che finisce in carcere per la scoperta dei suoi rapporti omosessuali con lui e solo molti anni dopo nel 1891 Verlaine viene a sapere della morte di Rimbaud a causa di un’amputazione della gamba per una brutta malattia incontrata nel clima malsano del Continente Nero. La sorella di Rimbaud, Isabelle, incontra Verlaine con l’intento di recuperare e distruggere i testi scritti dal fratello durante il periodo della loro relazione (considerati blasfemi, eretici e impubblicabili), ma questi decide di integrarli nella sua opera in memoria del suo amico e di pubblicarli solo quando i tempi e il pensiero della gente a proposito dell’omosessualità cambieranno.

* * *

Per entrare a far parte di questa realtà associativa, info sul programma dettagliato degli incontri quotidiani, iscrizioni ai corsi promossi dall’Hermes Academy Onlus, proposte, contattare il numero +39 346 622 6998 oppure l’indirizzo email luigi_pignatelli@hotmail.it

Per visionare il calendario completo delle iniziative, consultare il sito www.hermesacademy.blogspot.it