sabato 31 maggio 2014

POESIA "FRATELLI NEL DESERTO" DI CHRISTIAN SMIRAGLIA

SIAMO LIETI DI PROPORVI UN'ALTRA BELLISSIMA OPERA DEL GIOVANE POETA TARANTINO CHRISTIAN SMIRAGLIA

FRATELLI NEL DESERTO

Ed è così che siamo arrivati,
sulla nostra Chevrolet luccicante.
Ognuno con i suoi guai
noi che non ne parliamo mai
siamo sul ciglio di questa strada
da anni.

Fratelli nel deserto.

Ed è così che siamo arrivati,
sulle nostre gambe stanche.
Ognuno con i suoi sbagli
noi che infondo siamo uguali ,
siamo sul ciglio di questa strada
da anni.

Fratelli nel deserto.

Ed è così che siamo qui,
sui nostri orgogli feriti,
dalle nostre cattive compagnie.
Tatuaggi ormai disfatti
i nostri ricordi annebbiati
ma su queste dune sabbiose
non eravamo soli.
Noi fratelli nel deserto
eravamo in due.

Ed è così che siamo qui
sulla nostra Chevrolet luccicante
a passarci da bere,
mentre il mondo piange
I fratelli del deserto.


giovedì 29 maggio 2014

#Ripescate il TARANTO ECCO LA PAGINA UFFICIALE DEL CONTEST

A pochi giorni dalla fine dei playoff di serie D, il grido dei tifosi, della dirigenza e dell’amministrazione comunale di Taranto, è unanime e punta dritta al ripescaggio in Lega Pro. 

Sfruttando i social network e la moda del momento “l’hastag selfie mania” per capirsi quella sfruttata anche dai tifosi del Bari, che han preso spunto dalle tantissime altre iniziative simili, Claudio Galasso e Mimmo Frusi hanno aperto la pagina facebook “Ripescate il TARANTO” (quello con la scritta TARANTO in maiuscolo) https://www.facebook.com/pages/Ripescate-il-TARANTO che servirà a raccogliere tutte le foto dei tifosi, e meno tifosi rossoblù che si presteranno all’iniziativa con allegria e goliardia perché è bene ricordarsi che il calcio è un gioco, e come tale deve unire e divertire dentro e fuori dal campo.

A poche ore dalle velenose dichiarazioni del presidente della Lega Pro Macalli, che ha praticamente chiuso le porte ad un possibile ripescaggio tra i professionisti dei rossoblù, secondo norme quanto meno discutibili (per lui il Taranto ha due anni di storia) visto solo per ultimo il ripescaggio del Foggia, questa bella iniziativa prende ancora più valore, perché atta a sensibilizzare la società e tutto l’ambiente tarantino calcistico a non mollare, anzi a portare su livelli nazionali il nostro secolare amore per il calcio. 
Ricordiamo che per inviare le proprie foto è consigliabile inviarle tramite messaggio privato alla pagina che provvederà a pubblicarle a proprio nome ringraziando e citando gli autori delle stesse. 
Potrete vedere così i vostri selfie a fianco a quelli dei calciatori Mignogna, Molinari e Barasso, agli artisti dello spettacolo Franco Cosa, Luigi Mitolo e Sereno Bukasa (del film “cado dalle Nubi”) oltre a quello della cestista Valentina Siccardi solo per citare alcuni autori dei selfie pervenuti nelle primissime ore di attività della pagina della quale ricordiamo il link https://www.facebook.com/pages/Ripescate-il-TARANTO .

Per twitter l’hastag ufficiale è #ripescateiltaranto









L’obiettivo è arrivare ad attirare l’attenzione sulla questione su canali nazionali, quindi sotto con le foto, uniti si vince e ci ripescheremo da soli!
Lo Staff della Pagina.

PIACCIONE, CHE MAGNIFICA TERNI! Ai Campionati Nazionali, esito positivo per la spedizione tarantina

S'è fatto largo tra una selva di racchette italiche, pur non perdendo il suo 'aplomb' pongistico. Alessandro Piaccione è comunque entrato nella storia, pur con una finale persa a suo carico. Nel corso dei Campionati Italiani di Terni (classica 'kermesse' annuale) l'atleta tarantino, dopo un lungo ed estenuante cammino, approda alla finale del Singolo Maschile di 4^ Categoria, giocandosela contro il lombardo Bertuzzi. Ben più fortunato, il pongista settentrionale (numero 211 nel ranking) la spunta per 3-1, non senza difficoltà. Il talento ionico, indipendentemente dall'esito finale, entra comunque negli 'annales' del club dei due Mari, segno evidente dell'ottimo lavoro svolto da Grassi e il suo staff, nel progetto di valorizzazione del vivaio.
Nella medesima categoria, bene anche Massimiliano Cascella, la cui avventura si arresta ai sedicesimi, laddove è sconfitto per 3-2 da Giammarino al termine di un 'match' spigoloso quanto sfortunato per il 16enne pongista barese, tesserato per il C.T.T. Taranto.
Da applausi l'astro nascente Sarli, che giunge sino ai 64esimi del Singolo di 5^ Categoria, dopo aver brillantemente superato la fase a gironi. Qui si piega al 61enne Morino, sebbene con il risicato punteggio di 3-2 in favore del ligure.
Infine, 'chapeau' per la coppia mista Piaccione-Francabandiera, per il Doppio di 4^ Categoria. Il tandem pugliese (composto da un tarantino e una molfettese) porta a casa la soddisfazione di un biglietto per i quarti, laddove però incontrano la resistenza del duo Messa-Freni (3-0 per questi ultimi).


Aldo Simonetti
Addetto Stampa A.S.D. C.T.T. Taranto

mercoledì 28 maggio 2014

PARCO SATURO: BIZANTINI E NORMANNI PER LA CONQUISTA DI TARANTO il 31 Maggio e 1 Giugno

E' tutto pronto per la messa in scena dell'importante evento rievocativo "La Battaglia dell'XI secolo" in programma il 31 Maggio e 1 Giugno nella splendida cornice del Parco Archeologico di Saturo (Marina di Leporano, Taranto). Dopo il grande successo di presenze dello scorso anno, si è deciso di replicare l'evento al Parco Archeologico per la sua valenza turistica e storico-archeologica a livello nazionale, dando seguito ad un'importante opera di valorizzazione del nostro patrimonio culturale già in atto da anni. Grandi accampamenti militari, mercati  medievali, spettacoli storici e animazione di vita dell’epoca renderanno la “due giorni” davvero unica, in uno scenario dal sapore antico, tra mare, storia, natura ed archeologia.

LA GUERRA TRA IMPERO BIZANTINO E NORMANNI PER LA CONQUISTA DI TARANTO E DEL RICCO SUD ITALIA RITORNA SULLE COSTE DELL’ANTICO PORTO DI SATURO.

Al Parco Archeologico di Saturo, nel Comune di Leporano, il 31 maggio e 01 giugno, rievocazione storica sul vivere e fare la guerra dell’ uomo dell’XI secolo
Sabato 31 maggio e domenica 01 giugno, tra le sponde dell'antico porto di Saturo, in un luogo suggestivo e palpitante di storia, l'associazione culturale "I Cavalieri de li Terre Tarentine", in collaborazione con la Cooperativa Polisviluppo (Servizi per i Beni Culturali- Gestore del Parco Archeologico), darà vita agli eventi storici dell'XI secolo, anche quest'anno attraverso l'allestimento di accampamenti militari, ricostruiti con scrupolosa filologicità, e centinaia di personaggi dell'epoca che tingeranno di Medioevo questo straordinario angolo storico-naturalistico del nostro litorale. 
Oltre 200 i rievocatori di 20 gruppi in arrivo da tutta Italia ed anche dall'estero (Bulgaria) con oltre quaranta tende medievali allestite con arredi e oggetti dell'epoca si accamperanno ai piedi del promontorio di Saturo nell'omonimo parco archeologico, tra i siti più importanti del sud Italia. Daranno vita, alla fine del mese di Maggio, alla suggestiva rievocazione di una battaglia epocale avvenuta nel 1060 tra Bizantini e Normanni. 

Quest'anno l'evento culturale, che puntualmente attira migliaia di appassionati, giunge alla VIII edizione. Dopo l'apprezzamento del pubblico e delle associazioni presenti della edizione 2013 si è volutamente riproporre l'evento nella suggestiva cornice turistica e storico paesaggistica del Parco Archeologico di Saturo, nel Comune di Leporano.
Cultura, turismo, spettacolo e patrimonio storico ambientale sono direttrici del progetto alla base dell'evento rievocativo e della finalità progettuale associativa. Così come la passata edizione, la battaglia si svolgerà in una due giorni di evento. Lo scontro iniziale del sabato pomeriggio tra le truppe Bizantine a difesa del territorio e l'intero esercito Normanno guidato da Roberto il Guiscardo e il conte Malgerio, e l'epilogo della domenica pomeriggio, dove il generale bizantino Mariarcha, sbarcato con un esercito imperiale, riuscì ad intercettare i Normanni combattendo una grande battaglia, riuscendo a sconfiggere il forte contingente Normanno. 

Grandi accampamenti militari, mercati medievali, spettacoli storici e animazione di vita dell'epoca renderanno la "due giorni" davvero unica, in uno scenario dal sapore antico, tra mare, storia, natura ed archeologia.
Un Evento che mostra come, volendo, sia possibile fare promozione turistico culturale di qualità grazie all'impegno di appassionati cittadini che credono nel proprio territorio e nel valore della cultura.
Dalle 16,30 del sabato 31 Maggio, la quotidianità dell'epoca, con la riscoperta di antichi mestieri artigiani, potrà essere rivissuta tra le tante particolarità del grande accampamento in un percorso naturalistico e interattivo all'interno del parco archeologico. La presenza di Telai dell'epoca offriranno la possibilità al pubblico interessato di cimentarsi praticamente nell'uso del telaio grazie ad esperte artigiane. Un vero spettacolo rievocativo di vita quotidiana metteranno in scena gli antichi artigiani che dal vivo mostreranno la lavorazione del ferro, così come arcai, armaioli, mercanti con oggettistica in cuoio e ferro, interpreti dell'antica arte della lavorazione del Bisso e della seta dal baco e tanti altri personaggi d'epoca che animeranno l'accampamento, mentre i soldati nobili e di umili origini nelle splendide o arrangiate armature si preparano allo scontro. 
Alle ore 18,00, gli schieramenti si avvisteranno nella piana sottostante l'antica torre e si affronteranno nel primo scontro dove i Normanni guidati da Roberto e Malgerio sconfiggeranno i contingenti Bizantini a difesa di Taranto, Oria, Brindisi e Otranto. 
Alle ore 21,00 calerà il silenzio sull'intero campo di battaglia per dare vita alle 21,30 a suggestive danze orientali a cura degli Imperiales Friderici II di Foggia, musica e canti dell'epoca con gli Odor Rosae Musices di Grottaglie che celebreranno la vittoria Normanna 
La chiusura al pubblico è prevista alle 23,00. 

Domenica 01 Giugno alle ore 11,00 l'evento riaprirà al pubblico sino alle 21,30 con l'epilogo finale della battaglia che vedrà i Bizantini Imperiali comandati da Miriarcha sconfiggere i Normanni del Guiscardo riconquistando le città perdute e Taranto stessa. Un appuntamento da non perdere, insomma, soprattutto per le tante famiglie con bambini che solitamente partecipano alla rievocazione della battaglia per scoprire le nostre origini attraverso la "Living History" che, con i Cavalieri de li Terre Tarentine è frutto di approfonditi studi e ricerche storiche. 

INGRESSO con contributo per autofinanziamento associativo di 3/tre euro a persona per una giornata e 5/cinque euro per ambedue le giornate. Per i bambini sotto i 10 anni l'ingresso è libero.

In attesa che l'evento abbia inizio, potremmo dirvi ancora molto ma, crediamo, possa dare più emozione la foto gallery dell'edizione 2013. Ulteriori info su www.cavalieriterretarentine.it e su facebook, "la Battaglia dell'XI secolo tra Normanni e Bizantini-VIII edizione"
In loco vi saranno spazi per i parcheggi a pagamento. Canneto Beach, Park Saturo, Satyrion.
Il pubblico potrà pranzare e cenare presso alcuni operatori turistici della zona convenzionati all'evento con prenotazione almeno due giorni prima: Trattoria del Pescatore, litoranea salentina v. Albicocche n°4 tel. 099-5315951, 099-5315951. Park Saturo 339-7366194, 339-7366194, Satyrion 338-9827389, 338-9827389. Un primo, secondo e contorno con acqua e ½ litro di vino, euro 13,00 a persona.

martedì 27 maggio 2014

MA CHE "COMBINE"? I casi nell'ultimo biennio in LND

I giochi sono fatti. Si tirano le somme di un campionato che ha lasciato, per l’ennesima volta, l’amaro in bocca  con lo sguardo rivolto al futuro e, inevitabilmente, verso quella porticina, semichiusa o semiaperta, come si voglia preferire, sul ripescaggio. Tiene banco il dibattito sull’esito della inchiesta aperta dalla Procura Federale sulla presunta combine della partita Taranto –Matera, disputata il 30.03 scorso e tiene col fiato sospeso anche l’ulteriore inchiesta, incuriosendo non poco sul probabile oggetto delle indagini, sul probabile eventuale collegamento con le indagini relative alla partita del 30.03 scorso, avviata sui fatti verificatisi in occasione della partita Marcianise- Taranto, disputata il 04.05 scorso.
 La regola per la quale ogni gara sportiva deve svolgersi secondo correttezza e il risultato deve essere frutto, esclusivamente, del leale scontro agonistico fra le squadre che si affrontano in campo viene soppiantata dagli invitanti benefici economici e dai vantaggi di classifica, derivanti dalle scommesse “pilotate” e dalle combine, che, si sa, allettano e non poco. 
La posta in gioco è alta per il Taranto, dal momento che, se si accertasse la responsabilità della società lucana, il trattamento sanzionatorio previsto andrebbe a tutto beneficio della squadra rossoblù. Certo diventa difficile accertare tale tipo di illecito sportivo (la combine soprattutto) perché se, per un verso, non è necessario che il risultato sia realmente conseguito, per altro verso, è necessaria la prova provata della responsabilità diretta del “diavolo tentatore”. In più, rileva la concreta incidenza del vantaggio ottenuto sulla classifica, dando il via a calcoli e sottocalcoli per ricostruire la classifica giornata per giornata in relazione a quel risultato combinato. Va da sé che l’assicurazione di un vantaggio in classifica può non essere collegato all’alterazione dello svolgimento o del risultato di una singola gara. Il che implica che la classifica può risultare modulata su fattori che prescindono dal singolo risultato e vedere il prevalere di una squadra piuttosto che di un’altra. E’ pur vero, tuttavia, che, nel momento in cui si è capito cosa non si deve fare per evitare l’illecito sportivo, l’avvezzo ad avvalersi di scorciatoie, pur di realizzare il proprio tornaconto, riesce a trovare comunque un’ escamotage per aggirare l’ostacolo.
Invero, in serie D, sono poche le inchieste avviate per presunte combine, che, almeno negli ultimi due anni, per quanto sono riuscita a documentarmi, hanno visto il frequente coinvolgimento del solo Matera calcio. La società biancoazzurra, il 17.01.13, ha subìto la penalizzazione di due punti per il “caso Dalena”, che avvicinato dal DS Ciccarone, ha cercato di indurre i giocatori della Viribus Unitis a perdere la partita, poi terminata a reti inviolate, disputata il 24.4.12. In altro giudizio, la società è stata prosciolta dalle accuse di combine in due gare: Matera-Campania terminata 2 a 0, disputata il 22.12.12 e Puteolana-Matera terminata 1 a 2, giocata il 24.11.12. Significativi i motivi della sentenza, che condanna tutti tranne il Matera, prestandosi ad altrettante significative considerazioni. I fatti denunciati riguardano tre calciatori (Baratto, Russo e Trematerra) i quali riferiscono di aver ricevuto un’offerta in denaro per provocare un calcio di rigore nei primi venti minuti a favore del club biancoazzurro. Nel corso della gara Puteolana -Matera effettivamente al 13° minuto del primo tempo, il Russo con un intervento scomposto tocca il pallone con la mano nell’area di rigore. Dalle accurate indagini svolte trova conferma la versione dei calciatori e dai filmati della partita emerge chiaramente la volontarietà dell’intervento del difensore.

Tuttavia, da un lato, la circostanza che la combine non avesse inerito il risultato della gara, ma il solo verificarsi dell’evento rigore, porta a concludere che la condotta fosse destinata a soddisfare una probabile scommessa e a determinare facili guadagni nel circuito delle scommesse clandestine (considerato peraltro che all’epoca dei fatti non erano possibili scommesse legali sulle gare dei campionati dilettanti); dall’altro lato, la circostanza che, almeno formalmente, alcun vantaggio è stato realizzato dalla società deferita, avendo per lo più posto in essere le condotte terzi estranei (già perché i citati calciatori non sarebbero stati avvicinati da persone del club biancoazzurro) ha fatto sorgere il ragionevole dubbio sulla partecipazione all’illecito della società deferita, che ha riferito – ovviamente - di non essere a conoscenza di quanto era accaduto, conducendo dritto dritto ad una dovuta pronuncia di proscioglimento.

Le considerazioni, da profana che mi sovvengono, alla luce di quanto ho letto, e che potranno essere sconfessate e/o alle quali se ne potranno aggiungere altre e diverse sono spontanee e personali, con la consapevolezza della complessità dei meccanismi calcistici, dei retroscena che circolano sottovoce ma che non possono trovare risonanza pubblica e delle spallucce che si alzano accompagnate da un bel “piopò”: se mando Picone, se ignoro, allora la estraneità ai fatti è assicurata; se alzo la posta, puntando sulla sconfitta invece che sulla vittoria di una squadra forte, dalla quale ci si aspetta più una vittoria che una sconfitta, la scommessa mi rende, in termini di benefici economici, sicuramente molto di più. Un’ultima perplessità sovviene: come mai negli ultimi due anni si è scommesso tanto sulle vittorie del Matera?   

A CURA ALESSIA SIMEONE

hermes academy Incontro di martedì 27 maggio

Parte la quinta edizione della kermesse di Arti Sceniche, Visive e Letterarie “Hermes on Streets Summer’s Festival” – promossa, dal 27 maggio al 27 settembre, dall’Associazione Culturale Hermes Academy Onlus, in collaborazione con la ProLoco di Taranto e numerose altre associazioni – che, attraverso mostre di arte visiva, reading, recital, proiezioni, lectio magistralis e concerti, celebra l’estate tarantina, con la finalità di riscoprire, valorizzare e conservare la memoria storica locale, educare le nuove generazioni (e non solo) alla bellezza, alla diversità e allo sviluppo sostenibile.

A seguire dettagli degli appuntamenti previsti da martedì 27 maggio a domenica 1° giugno 2014.


Taranto – Il Nuovo Volto (50° Appuntamento)

La procura con l’elmetto di Torino incrimina lo scrittore Erri De Luca per istigazione al sabotaggio, per aver pubblicamente difeso la lotta popolare della Val di Susa. Senza pudore, i soliti pm, non contenti di arrestare e denunciare più notav possibili, ora incriminano le idee e le parole. Nulla di nuovo. Sono gli stessi che aprono fascicoli su fascicoli sulle continue lettere che singoli in vena di pubblicità spediscono all’Ltf o politico di turno: probabilmente avranno una media annuale da fissare per qualche record del palazzo di giustizia. Erri risponde a tono: “Rendo noto che mi è stata oggi notificata incriminazione per istigazione in merito al mio sostegno pubblico alla libera lotta della Val di Susa. I magistrati citano le mie stesse pubbliche parole. Considero da scrittore un onore essere accusato delle mie convinzioni pubblicamente espresse, che continuerò a ribadire.”
Martedì 27 maggio, la Libreria Gilgamesh di Miriam Putignano, sita a Taranto in Via Oberdan #45, a partire dalle ore 18.30, ospita il cinquantesimo incontro del ciclo “Taranto – Il Nuovo Volto”, organizzato dall’Associazione Culturale Hermes Academy Onlus, Arcigay Taranto, in collaborazione con il Centro di Ascolto LGBTQI di Taranto e Provincia, l’Associazione Turistica ProLoco di Taranto, Il Circo della Magna Grecia, Strambopoli – La Città degli Artisti.
L’incontro, fortemente voluto da Miriam Putignano, prevede una maratona di lettura di testi di Erri De Luca, a cura degli allievi del laboratorio di arti sceniche tenuto dall’actor coach Luigi Pignatelli e da una lunga serie di operatori culturali della Città dei Due Mari.
A partire dalle ore 19.15, poi, sempre martedì 27 maggio, la maratona mutua fonte di ispirazione e celebra il Teatro. Interviene anche la sociologa Maria Vittoria Colapietro, che cura un intervento in cui si parla del ruolo del teatro nella sociologia.
Martedì 3 giugno avrà luogo un secondo incontro dedicato ad Erri De Luca, promosso dal Presidio del Libro Rosa Pristina e da Hermes Academy Onlus.

Per ulteriori dettagli e per il calendario completo delle iniziative promosse da Hermes Academy Onlus, consultate il sito www.hermesacademy.blogspot.it

lunedì 26 maggio 2014

L'ex ministro all'ambiente Clini arrestato per peculato

CORRADO CLINI MINISTRO DELL'AMBIENTE
 DEL GOVERNO MONTI
L'ex ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, è stato arrestato dalla Guardia di finanza. Nei suoi confronti, sono stati disposti gli arresti domiciliari. Il reato ipotizzato è peculato. L'operazione, condotta dal nucleo di polizia tributaria di Ferrara, è stata coordinata dalla procura della città emiliana.
L'accusa è di "peculato in concorso ai danni del ministero dell'Ambiente" e nasce dall'ipotesi della distrazione di una somma di 3,4 milioni di euro, su un finanziamento di complessivi 54 milioni destinato dallo stesso ministero a un "progetto volto alla protezione e preservazione dell'ambiente e delle risorse idriche, da realizzarsi in Iraq".
L'indagine è stata condotta in collaborazione con la procura di Roma, unitamente al Nucleo speciale tutela spesa pubblica della guardia di finanza della Capitale, e con la procura federale di Lugano, unitamente alla polizia giudiziaria federale elvetica. I dettagli dell'operazione saranno illustrati in una conferenza stampa in programma in mattinata alla procura di Ferrara.

FONTE LA REPUBBLICA
ECCO IL LINK DELL'ARTICOLO COMPLETO

EUROPEE 2014: ECCO COME HA VOTATO TARANTO!

VI MOSTRIAMO DI SEGUITO IL DETTAGLIO PRESO DAL SITO DEL MINISTERO DEGLI INTERNI SUI DATI DATI DEFINITIVI DEI VOTANTI E DEI VOTI DI TARANTO E PROVINCIA:



AFFLUENZA:


CLICCATE SULLE IMMAGINI PER INGRANDIRLE.



domenica 25 maggio 2014

POESIA: "CONFINI" DI CHRISTIAN SMIRAGLIA

OGGI VI PROPONIAMO UN'ALTRA OPERA DEL GIOVANE POETA TARANTINO CHRISTIAN SMIRAGLIA

CONFINI

Sul viso una lacrima,
brilla come una stella in cielo
e cade su un pensiero.
La mia penna traccia fantasie,
i miei sogni traspirano malinconie,
i ricordi ormai sono annebbiati
dai miei fumi
e dai miei stati alterati.
I giorni sono passati,
e sulla pelle restano i brividi,
li dove erano i lividi
adesso invisibili,
i segni sull'anima sono indelebili
e tracciano i confini
tra chi sei
 e chi eri.
I giorni sono passati
e sul viso resta il segno
di una lacrima senza tempo.

sabato 24 maggio 2014

Partita amichevole pro ANT

Un gol per contribuire e garantire assistenza socio-sanitaria gratuita a domicilio ai sofferenti di tumore. Una partita a sostegno della prevenzione oncologica. Il Taranto FC e il presidente Fabrizio Nardoni si dimostrano ancora vicini alla Fondazione ANT rappresentata a Taranto dalla Dott.ssa Maria Letiz
ia Zavatta. Dirigenti e tecnici della formazione rossoblù parteciperanno -  lunedì 26 maggio ore 18 allo Iacovone ingresso libero -  ad una gara amichevole opposti al team “Delegazione provinciale ANT”.
L'occasione sarà utile per raccogliere fondi per lo sviluppo di progetti di ricerca e sensibilizzare la missione ANT che da oltre trent'anni – grazie alla continua attività di volontari e professionisti -  è vicina ai sofferenti di tumore.    
Scenderanno in campo con la maglia rossoblù: Francesco Troccoli, Fabio Prosperi, Michele Cazzarò, Raffaele Cataldi, Giuseppe Minosa, Maurizio Giannotta, Carlo Battista, Biagio Fusco, Gilberto D'Ignazio, Gionatan Scasciamacchia, Francesco Vozza, Marco Paciulli, Luigi Caputo, Luigi Volume, Salvatore Marinò, Giuseppe Licciardello. Allenatore: Rocco Gaetani.
Presenti per la “delegazione ANT”: Danilo Calculli (capitano), Giuseppe Cofano, Francesco Scaglioso, Dino Francesco Moscardino, Ciro Valente, Gaetano Fina, Patrizio Angelini, Mirco Ferrarese, Alfonso Sgobbio, Giacomo Petruzzi, Gaetano Gigantiello, Cosimo Briganti, Antonio Musciacchio, Gianluca Convertini, Vincenzo Lo Martire, Angelo Rosa, Giovanni Marasciulli. Allenatore: Aldo Papagni.
L'evento è stato organizzato da Francesco Troccoli responsabile ASI sezione provinciale calcio di Taranto. La partita sarà diretta dalla terna arbitrale ASI (Associazioni Sportive Sociali Italiane). 

venerdì 23 maggio 2014

ARRIVA L' APE TAXI ELETTRICO...SPERIAMO...

L’idea dell’ape Taxi elettrico™ è concentrata sullo sforzo di rendere attrattivo il territorio ricorrendo alle peculiarità di cui esso stesso è portatore. Non solo quello di Taranto, ma anche i borghi antichi di Manduria, Grottaglie, Ginosa, Castellaneta, Mottola, Massafra sono caratterizzati da vicoli angusti e molto suggestivi, la cui bellezza può essere colta meglio se immersi nel silenzio dei rumori tipici di questa bellissima fetta di città.

L’ape Taxi elettrico™ assolverebbe ad una serie di compiti, quali:

-vivacizzare l’esperienza del turista
-velocizzare i collegamenti tra le attrattive del territorio (musei, vicoli, negozi, ristoranti, alberghi, ecc)
-rendere più fruibili le aree pedonali
-ridurre emissioni inquinanti (acustiche e atmosferiche)
-integrare il turismo con l’economia del commercio
-migliorare i livelli di comunicazione integrata tra arte, artigianato, ricettività, cultura, shopping, gusto

L’idea, nata dalla collaborazione tra gli associati Made in Taranto™ (ovvero la coop. Taxi Due Mari e negozi e imprese) è fondata sull’esigenza di incrementare il turismo riducendo al minimo i tempi di spostamento tra le varie attrattive (pescaturismo, musei, ipogei, strutture ricettive, librerie, negozi, ecc), ottimizzandone la comunicazione e integrando l’offerta, garantendo servizi concreti e sicuri.

L’idea è in attesa di trasformarsi in un vero e proprio progetto di turismo d’impresa da sostenere mediante il coinvolgimento attivo di negozi e aziende, perché l’incremento di turisti fa bene all’intera economia.

L’ape Taxi elettrico potrebbe integrarsi con i servizi tradizionali (taxi, treni, autobus) per condurre i turisti in giro tra spettacoli, eventi, mostre di artigianato nelle varie città dell’arco jonico, aziende manifatturiere, aziende agrituristiche, masserie, negozi, ristoranti, stabilimenti balneari, alberghi. Tutto questo chiaramente in funzione delle diverse offerte di turismo d’impresa calibrate secondo stagioni, gusti, priorità, tempi di soggiorno, eventi.

L’ape Taxi elettrico™ potrebbe diventare centro di prima accoglienza turistica e catalizzatore di offerte commerciali in funzione delle destinazioni o dei percorsi. I mezzi potrebbero essere acquistati mediante la collaborazione di più imprese del territorio che farebbero rete in direzione di un unico obiettivo: portare il Made in Taranto™ nel mondo!

Per la realizzazione di questo progetto, occorre innanzitutto creare una rete di imprese ch
e finalizzi l'idea e che formalizzi l'unione delle forze mediante atto notarile. Ad oggi, già 30 negozi sono pronti a sottoscrivere il progetto e a procedere. Ma, perché tutto questo abbia successo, è necessario che l'unione di forze sia la più estesa possibile e che vengano meno i protagonismi. Pertanto, le aziende, gli artigiani, i commercianti interessati che volessero aggregarsi, possono manifestare il proprio interesse, possono inviare una mail tramite il sito www.madeintaranto.org

Grazie per l'attenzione

dr. Gianluca Lomastro
associazione MADE IN TARANTO™ 
www.madeintaranto.org

Cell 393 2895303

giovedì 22 maggio 2014

La Vergine Addolorata del Carmine di Taranto da Papa Francesco I

Ieri durante l'Udienza presieduta dal Santo Padre Papa Francesco, tenutasi a Roma in piazza San Pietro, c'è stata la Coronazione Canonica Pontificia della Beata Vergine Addolorata dell 'Arciconfraternita del Carmine di Taranto. 
 Se ben ricordate, facemmo per voi un'introduzione ai Riti della Settimana Santa con annessa intervista al Priore della confraternita del Carmine il quale, illustrandoci la storia di ogni statua in loro possesso, disse che quest'anno ricorrono i 250 anni della donazione delle statue dell'Addolorata e Cristo Morto e che allo stesso tempo la confraternita del Carmine ha avuto il privilegio dell'Indizione dell'Anno Santo Straordinario concesso dal Santo Padre. Proprio per questa ricorrenza, ieri l'Addolorata è stata portata dai confratelli sul sagrato di San Pietro. In veste di rappresentanza vi erano il Priore, il Consiglio di Amministrazione, il Padre Spirituale Don Marco Gerardo e l'arcivescovo Metropolita di Taranto, sua Eccellenza Filippo Santoro e quasi centocinquanta confratelli, accompagnati dal calore di milioni di pellegrini provenienti da tutto il mondo per ammirare la  'Mamma' Addolorata. 
Un evento che deve sicuramente riempirci d'orgoglio, è come se fosse Taranto ad essere stata portata al cospetto del Papa. E' difficile sia scrivere che da commentare e spiegare le sensazioni che abbiamo provato ieri, possiamo solo dire che a noi è venuta la pelle d'oca nel vedere quella scena, eravamo emozionati, a qualcuno è scesa anche una lacrima, sono emozioni indescrivibili anche ascoltando le parole e la voce di Papa Francesco, mentre prendeva in braccio tanti bambini, vedere i suoi occhi quando accarezzava e abbracciava le persone meno fortunate di noi. Abbiamo sopportato un sole cocente ma ci importava poco perchè non volevamo mancare a questo evento meraviglioso che il Priore con l'aiuto del Padre Spirituale e del Vescovo hanno donato alla Confraternita, a noi confratelli e a tutta la comunità parrochiale . Basta anche guardare qualche immagine per farvi capire cosa abbiamo provato ieri ma sopratutto dobbiamo tenerci stretto quello che di buono abbiamo nella nostra città già martoriata di suo.


 a presto NICOLA CARPIGNANO

Scuola calcio: il Taranto FC utilizzerà il campo ex Maricentro

Il Taranto FC comunica di essersi aggiudicata, grazie al dettagliato lavoro profuso dalla Fondazione Taras, l'asta per il bando di utilizzo del campo di calcio della Caserma Castrogiovanni (ex Maricentro, sita in Via Amm. Umberto Cagni). L'impianto sportivo consentirà di ottimizzare il livello di qualità ed organizzazione della scuola calcio e del settore giovanile rossoblù.
Un obiettivo da sempre evidenziato dalla Marina Militare costantemente attiva nella crescita culturale e sportiva della cittadinanza tarantina con particolare attenzione ai più giovani che, vestendo in futuro la maglia rossoblù, potranno allenarsi nella struttura a partire dal 4 agosto 2014. 
Il Taranto FC e la Fondazione Taras potranno, con maggiore possibilità, valorizzare e promuovere tra i giovani la pratica del calcio attraverso etica, lealtà e sana passione mirando a ripetere gli ottimi risultati raggiunti, nell'attuale stagione sportiva, dalle diverse squadre del settore giovanile.
La Società rossoblù, a partire dai prossimi giorni, diramerà un comunicato specificando informazioni, modalità e tempi utili per le iscrizioni alla scuola calcio Taranto FC.   


mercoledì 21 maggio 2014

IL SUPER PAGELLONE DI FINE ANNO: LA DIFESA

E' stata una stagione particolare quella dei rossoblù, una squadra costruita male si è detto tante volte, bè io penso che il Taranto fc 2013-14 era stato costruito per vincere il campionato, non si spiegherebbe altrimenti la rivoluzione tecnica attuata della società. Come mister Maiuri aveva fatto bene a Caserta, i calciatori Clemente, Ciarcià e Balistreri non hanno avuto bisogno di presentazioni, Miale e Menicozzo venivano da campionati vinti l'anno precedente, Riccio, Carloto, Ancora e Muwana dovevano essere le colonne portanti di difesa e centrocampo. Per non parlare degli under avevamo Pulci preveniente dall'Ischia dei record, Migoni che aveva portato la Torres in lega pro l'anno prima, Viscuso che aveva giocato titolare a Messina l'anno prima per non parlare di Vivacqua che aveva fatto sfaceli a Roma nella Lazio primavera e che per venire a Taranto aveva rifiutato offerte dall'estero. E i portieri, bè sulla carta Marani era stato definito come un lusso per la categoria e tutti abbiamo visto il suo rendimento. Abbiamo tanto criticato la difesa, sulla carta avevamo una delle difese migliori del girone, il rendimento sul campo ha parlato diversamente. Un campionato non vinto (non ho detto perso) per soli due punti, due punti che per episodi negativi in partite "scontate" (Real Vico, San Severo e Manfredonia in casa, Metapontino in traferta,) si sono persi per strada non consentendoci di fare il salto che meritavamo. Onore comunque a società e squadra che ha sfiorato la vittoria del campionato dietro solo ad un Matera che diciamo è stato più cinico dentro e fuori dal campo...()a buon inteditor...). Ecco i voti di fine stagione dei rossoblù:


MARANI: Arrivato come nuovo Benji Price del calcio moderno, dimostra buona sicurezza tra i pali ma anche di avere tanta paura sulle uscite, Matera, Metapontino in trasferta, Manfredonia, Francavilla in casa, solo alcune delle partite nelle quali commette errori fatali proprio in uscita. "IL TIMIDO" voto 5

MASSERANO: Sicuramente più dinamico e reattivo del compagno ha poche occasioni per mettersi in mostra, esce imbattuto contro Matera e Monopoli anche grazie al suo coraggio nelle uscite, avrebbe meritato di giocare di più delle sue otto presenze tra campionato e coppa Italia. "GATTO RANDAGIO" voto 6

VISCUSO: Il migliore tra gli under soprattutto per dinamismo e corsa, utilizzato quasi sempre da Papagni non tradisce mai le aspettative e suda sempre la maglia facendo sempre su e gù sulla sua fascia di competenza, conclude con 28 presenze all'attivo. "JO-JO" voto 7

PICASCIA: Arrivato in punta di piedi a stagione in corsa, il terzino sinistro under ex Foggia disputa un finale di stagione col piede premuto sull'acceleratore, distinguendosi per bravura e abnegazione nonchè per la velocità e la corsa. "SCUSATE IL RITARDO" voto 6,5

MARCHITELLI: Si inizia con lui la stagione sul settore sinistro di difesa, e le prime battute non sono male, ma ha un vistosissimo calo di rendimento col passare delle giornate nelle quali si passerà dal non utilizzo alla definitiva cessione. "SVAMPATO" voto 5+

MIALE: Il ritorno del figliol prodigo in riva allo Jonio è acclamato dai tifosi rossoblù che sognano una difesa impenetrabile da formare col capitano Prosperi, vuoi qualche problemino fisico unito a problemi personali che vanno al di là del calcio, il centrale grottagliese non disputa una grande stagione che chiude con 17 presenze e un gol all'attivo. "SFORTUNATO" voto 5,5

PROSPERI: Non è certo la sua migliore annata in casacca rossoblù, dai battibecchi con i tifosi alle prestazioni così così (da dimenticare l'errore madornale di Torre del Greco) passando per qualche cartellino di troppo, la grinta non è mai mancata al nostro capitano che si è ripreso nell'ultimo scorcio di stagione con buone prestazioni. "OSSO DURO" voto 6-

RICCIO: Parte in sordina, poi si conquista la maglia da titolare dimostrandosi il migliore difensore della categoria, nelle numerose gare, personalmente non ho visto molti difensori nel nostro girone uscire come lui palla al piede, impostare l'azione ed essere diligente nelle retrovie, questo ragazzo di soli 25 anni ha realizzato anche 4 gol e secondo me merita altri palcoscenici che speriamo possa raggiungere con i rossoblù. "IL DIFENSORE MODERNO" voto 7+

CAIAZZO: Utilizzato per parecchie gare da titolare, vuoi anche per la regola degli under, si dimostra quasi sempre all'altezza e molto duttile, doti utili che gli serviranno per il futuro, colleziona 19 presenze e un gol. "GOOD LUCK" voto 6

PULCI: Il fisico è dalla sua parte, alto, magro e con buona potenza fisica condite da una discreta intelligenza ne hanno fatto un under affidabile che ha sofferto però delle amnesie difensive che son spesso costate care alla squadra. "RIMANDATO A SETTEMBRE" voto 6-

GRIECO: Torna dopo un lungo infortunio per dar manforte ad una difesa ballerina, quando è chiamato in causa non fallisce mai. "DA CONFERMARE" voto 6

NEI PROSSIMI DUE APPUNTAMENTI VI PROPORRO' SEPARATAMENTE CENTROCAMPO E ATTACCO.

A CURA DI MIMMO FRUSI








HERMES ACADEMY GLI INCONTRI DI OGGI MERCOLEDI 21 MAGGIO

Mercoledì 21 Maggio, presso la sede dell’associazione ANTEAS, in Corso Umberto #144, nell'ambito del progetto di educazione alla teatralità promosso da Hermes Academy Onlus e ANTEAS, parte un nuovo laboratorio di lettura, scrittura e drammatizzazione tenuto dall’actor coach Luigi Pignatelli, che vede coinvolti 20 uomini e donne di terza età. Tutti i mercoledì dalle 16 alle 20, si svilupperanno incontri caratterizzati da esercizi di training, proiezioni, dibattiti, workshop di scrittura creativa e di recitazione, lezioni di improvvisazione e interpretazione e le prove per il saggio di fine corso, previsto per l'ultimo mercoledì di giugno.

Sempre mercoledì 21 maggio, presso il ristorante Schon, sul lungomare Vittorio Emanuele III angolo Via Acclavio, dove da quasi un mese è in esposizione la collettiva di fotografia e pittura "LiberAr(t)e - X tappa", a partire dalle ore 20.30, insegnanti e allievi del laboratorio di arti sceniche "Sulla rotta di Artaud" proporranno l'happening teatrale "ImprovvisAr(t)e".

Per qualsiasi altra informazione e per visionare il calendario completo delle iniziative promosse quotidianamente dall'Associazione Culturale Hermes Academy Onlus, consultare il sito www.hermesacademy.blogspot.it

OPS!...C'è UNA..."CITTADINANZA ATTIVA"

I ragazzi dell'OPS - OSSERVATORIO PERMANENTE SALINELLA, invitano tutti i giovani della città, ed in particolare quelli del territorio, all'incontro formativo da loro organizzato ed incentrato interamente sulla cittadinanza attiva.

Abbiamo invitato ALESSANDRO MARESCOTTI, Presidente dell'Associazione PEACELINK, e FABIO MATACCHIERA, Presidente del FONDO ANTIDIOSSINA ONLUS TARANTO: entrambi impegnati quotidianamente per la città di Taranto hanno con piacere accettato il nostro invito a raccontarci la loro esperienza e a confrontarsi con noi.


L'incontro si terrà il giorno 23 MAGGIO 2014 alle ore 19.30 (link all'evento Facebook: https://www.facebook.com/events/281583232019641) presso l'auditorium della PARROCCHIA SANTA FAMIGLIA DI TARANTO, in via Lago d'Albano (nei pressi dello Stadio Iacovone).

Durante il forum saranno presenti anche i ragazzi di #NOICIPROVIAMO, con il loro banchetto per lo scambio di libri e letture ad alta voce (https://www.facebook.com/events/645309202215429).

I ragazzi dell'OPS

PS: per noi è importante confrontarci e capire / far capire quanto un piccolo gesto può cambiare le cose. CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO E CRESCIAMO TUTTI INSIEME!

martedì 20 maggio 2014

UFFICIALE PAPARESTA COMPRA IL BARI!

Gianluca Paparesta con un'offerta di 4,8 mln di euro vince la terza asta fallimentare per l'aggiudicazione del Bari calcio diretta dalla Giudice De Simone. Giorno 23 maggio alle 16.00 si dovrà presentare davanti al notaio Petrera per staccare l'assegno per l'acquisizione definitiva. Secondo all'asta si è piazzato l'imprenditore Cipollone con un'offerta di 4.6 mln. Altre offerte presentate da Izzo e Donati ma di minore entità.
A questa cifra la cordata rappresentata dall'ex arbitro (che fu squalificato per l'inchiesta calciopoli) dovrà aggiungere 3 mln di euro per colmare i debiti e le pendenze oltre che altri soldi per fidejussone per iscrizione a prossimo campionato e spese varie. Si parla quindi di un investimento che si aggirerà sui 10 milioni di euro. La nuova società si chiamerà FC BARI 1908. 

Cus Jonico e l’Italia a Taranto: intervista a Claudio Silvestri

Il capo area delle squadre Nazionali della FIP: “Un onore rendere omaggio a questa società nel suo quarantennale portando l’Italia a Taranto”

Neanche il tempo di compiacersi della salvezza in DNB per il Cus Jonico che si è già messo al lavoro. A dire il vero lo era già da tempo e su più fronti. C'è una stagione da programmare, la prossima, ancora in DNB, ma soprattutto c'è un compleanno da festeggiare. Vuole fare le cose in grande il sodalizio cussino nell'anno in cui spegnerà 40 candeline della sua attività. Il 26 giugno è una data segnata col circoletto rosso nel calendario della società del presidente Sergio Cosenza. Proprio nell'ambito dei festeggiamenti per il 40° compleanno arriverà a Taranto la Nazionale Italiana capeggiata da coach Pianigiani. Sarà un evento a tutto tondo che i dirigenti del Cus Jonico, da Roberto a Massimo Conversano, stanno pensando nei minimi dettagli. Le prime riunioni, informali ed organizzative, sono già avvenute. Ad una di queste ha partecipato anche il capo area delle squadre nazionali della FIP, Claudio Silvestri che ha colto l'occasione per fare un sopralluogo al PalaMazzola, struttura da questa stagione gestita proprio dal Cus e per portare la tanto attesa e agognata delibera del Consiglio Federale che ha “salvato” la squadra di coach Leale. 
Entusiasta il responsabile FIP per la venuta in Puglia, prima Brindisi (il 24 giugno) e poi in riva allo Ionio dell'Italbasket: “Taranto è già stata sede di partite di squadre nazionali, la femminile e l'under 17 maschile, quindi conoscevamo già la competenza dei suoi dirigenti ed il calore ed entusiasmo del suo pubblico, che in Puglia, in particolare a Taranto contraddistingue ogni partecipazione dell'Italia. Per questo la nazionale viene molto volentieri in queste città del sud proprio per sentire l'affetto della gente, il tifo delle persone e per far conoscere e far vivere i colori azzurri”.
Per il Cus Jonico Basket Taranto, come più volte dichiarato dal presidente Cosenza, è un onore poter avere la Nazionale a Taranto nell'anno dei 40 anni di attività della società. Una soddisfazione corrisposta dalle parole di Silvestri: “Per noi è un piacere in più essere qui nell'anno in cui una società del basket italiano, che fa tante attività e che tanto è cresciuta in questi anni, festeggia il suo 40° compleanno. In verità i rapporti con la città di Taranto e i dirigenti del Cus risalgono già a qualche anno fa quando organizzammo il bellissimo e spettacolare evento del Basket on Board sella portaerei Cavour. Lì si allacciarono rapporti con il capitano Conversano e con la società. Ora si è presentata questa occasione e la Federazione ha risposto positivamente portando a Taranto un'amichevole contro un'avversaria storica quale la Francia prima di partire per la Cina per una serie di amichevoli”.
Luca Fusco ADDETTO STAMPA CUS JONICO BASKET TARANTO;
e-MAIL stampacusjonico@gmail.com
e-MAIL personale lucajfusco@gmail.com; TEL. 3406118962
PAGINE FACEBOOK UFFICIALI:
Cus Jonico Basket Taranto
Virtus Taranto
SITI WEB www.cusjonicobasket.it; www.virtuspallacanestro.it



lunedì 19 maggio 2014

TARANTO: SQUALIFICATA LA CURVA NORD!

ECCO IL TESTO INTEGRALE DELLA DELIBERA DEL GIUDICE SPORTIVO DI OGGI
In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari.

A CARICO DI SOCIETA'

UNA GARA DA DISPUTARSI CON IL SETTORE RISERVATO ALLA TIFOSERIA LOCALE PRIVO DI SPETTATORI ED AMMENDA DI € 5000.00

TARANTO FOOTBALL CLUB1927
Per avere propri sostenitori, nel corso del secondo tempo, lanciato due bottiglie di acqua semipiene che cadevano sul terreno di gioco a distanza di circa 5 metri dal Direttore di gare e di un suo Assistente. Al termine dell'incontro gli stessi sostenitori lanciavano sul terreno di gioco rotoli di scotch e bottigliette varie di vetro e plastica che cadevano a poca distanza dalla Terna Arbitrale che stava rientrando negli spogliatoi. Sanzione così determinata in considerazione della idoneità degli oggetti lanciati ad arrecare danno alla incolumità fisica degli Ufficiali di gara nonchè per la recidiva specifica reiterata e la diffida per i fatti di cui ai C.U. 29-33-56-66- 70-105-107-115 e 128. ( R A - R AA - R CdC )


AMMENDA

Euro 800,00 FOLIGNO CALCIO S.R.L.
Per avere propri sostenitori, dall'inizio del secondo tempo e fino al termine della gara, intonato cori dal contenuto offensivo all'indirizzo del Direttore di gara. ( R A - R CdC )

A CARICO DIRIGENTI
INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA' FINO AL 26/ 5/2014

ROSSI MARCELLO (CORREGGESE CALCIO1948 ARL)
Per essere uscito dalla propria area tecnica protestando, allontanato. page3image30000 page3image30160 page3image30320 page3image30480 page3image30640

A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO SQUALIFICA PER TRE GARE EFFETTIVE

SELVATICO STEFANO (CORREGGESE CALCIO1948 ARL)

Espulso per somma di ammonizioni, alla notifica del provvedimento disciplinare rivolgeva espressioni offensive all'indirizzo del Direttore di gara e in segno di protesta, si liberava della maglia.

SQUALIFICA PER DUE GARE EFFETTIVE

RIPAMONTI ANDREA (OLGINATESE)

A seguito del provvedimento di ammonizione, dapprima irrideva l'Arbitro applaudendo e, successivamente, si avvicinava con atteggiamento minaccioso al medesimo e gli rivolgeva espressione offensiva.


SQUALIFICA PER UNA GARA PER DOPPIA AMMONIZIONE

CATTANEO DAVIDE (OLGINATESE)
PROSPERI FABIO (TARANTO FOOTBALL CLUB1927)

Calciatori sanzionati per doppia ammonizione.

A CARICO CALCIATORI NON ESPULSI DAL CAMPO
SQUALIFICA PER UNA GARA PER RECIDIVA IN AMMONIZIONE II INFR



MONTESANO ANDREA (BORGOSESIA CALCIO)SABOTIC MINEL  (CORREGGESE CALCIO1948 ARL)BAGGIO RICCARDO (SACILESE CALCIO SSD.AR.L.) MANUCCI ANDREA (SACILESE CALCIO SSD.AR.L.) GISSI RICCARDO(CALCIO SAN CESAREO) MENCHINELLA CLAUDIO (FOLIGNO CALCIO S.R.L.)  FRACARO FILIPPO(SACILESE CALCIO SSD.AR.L.) MENICOZZO MICHELE (TARANTO FOOTBALL CLUB1927)

“Taranto – Il Nuovo Volto (XXXXIX Appuntamento)” si celebra Europa

Martedì 20 maggio, la sede dell'Associazione Culturale Officine Taranto (presieduta da Fabrizio Iurlano), sita in Via Duomo #170 nell'isola del borgo antico, a partire dalle ore 19.30, ospita il XXXXIX incontro del ciclo “Taranto – Il Nuovo Volto”, organizzato dall’Associazione Culturale Hermes Academy Onlus, in collaborazione con il Centro di Ascolto LGBTQI di Taranto e Provincia, Associazione Affiliata Arcigay, l’Associazione Turistica ProLoco di Taranto, Il Circo della Magna Grecia, Strambopoli – La Città degli Artisti.

Nel corso della serata, i giovani allievi del laboratorio di recitazione “Sulla rotta di Artaud”, tenuto dall’actor coach Luigi Pignatelli, racconteranno, tramite brani inediti elaborati nel corso del laboratorio di scrittura creativa, il mito di Europa.

"IL RATTO DI EUROPO" T.VECELLIO
Il mito narra della principessa Europa, figlia del re dei Fenici (il cui regno si estendeva sul territorio dell’attuale Libano e comprendeva le fiorenti città di Tiro e Sidone), che scesa al mare con le ancelle incontrò sulla spiaggia un toro bianco di grande bellezza e mitezza, tanto da indurla a cavalcarlo. Ma il toro si lanciò attraverso il mare trasportando la fanciulla fino all’isola di Creta, dove assunse le sembianze di Zeus e con lei generò tre figli, tra i quali Minosse, re di Creta, e Radamanto, giudice degli inferi.  Il mito continua col racconto sui fratelli di Europa, che partirono in varie direzioni per cercare la sorella: tra questi Cadmo che giunse nella Grecia continentale e qui fondò Tebe; a lui è attribuita la trasmissione dell’alfabeto dalla Fenicia alla Grecia. 

In generale il mito rappresenta un movimento di civiltà da Oriente a Occidente e il nome Europa, dato ai territori occidentali, riflette questo spostamento. Secondo studi recenti, i culti dei bovini e della luna (le corna del toro hanno la stessa forma della falce di luna e i due simboli venivano collegati nei riti religiosi) adombrati nel mito di Europa furono trasmessi attraverso le migrazioni dal Medio Oriente e dall’Africa alla Grecia. Già secondo Erodoto (V secolo a.C.), il mito di Europa si riferiva al costume del rapimento di fanciulle a scopo di matrimonio forzato, di cui un altro esempio – in senso speculare – era la storia di Paride ed Elena. 

Si parlerà anche della campagna “A far l’Europa comincia tu!”, promossa da Arcigay e il cui sito verrà lanciato mercoledì, e della piattaforma ILGA (International Lesbian and Gay Association): dieci punti in cui si chiede ai politici di impegnarsi per la difesa dei diritti gay.

L’Hermes Academy, assieme agli altri comitati territoriali Arcigay di tutta Italia, sta presidiando piazze e altri centri di aggregazioni con stand e banchetti, al fine di sensibilizzare al voto. Intanto Luigi Pignatelli sta incontrando i candidati della macroarea, detta circoscrizione, Sud, al fine di chiedere loro di firmate la piattaforma ILGA.

All’incontro di questa sera interverranno il dottore in scienza politiche Giuseppe Amatulli, l'operatore culturale Fabrizio Iurlano, Nunzia Lecce, presidente dell’Associazione Turistica ProLoco di Taranto, l’attore e scrittore Luigi Pignatelli, alcuni insegnanti dell’Hermes Academy, i volontari del Centro di Ascolto LGBTQI di Taranto e provincia e alcuni attivisti diArcigay Taranto.

L’ingresso è libero e gratuito.


Per qualsiasi altra informazione e per visionare il calendario completo delle iniziative promosse quotidianamente dall'Associazione Culturale Hermes Academy Onlus, consultare il sito www.hermesacademy.blogspot.it

Un viaggio verso la verità: Spoon River.

Mercoledì 21 maggio 2014 alle ore 17:30 presso l'Aula Magna del IISS "Galileo Ferraris - Quinto Ennio", sede Via Abruzzo, sarà rappresentata l'Antologia di Spoon River.  
Un'iniziativa realizzata con il contributo dei fondi FES PON 2007-2013 con il coordinamento della Prof.ssa Patrizia D'Elia e la regia della Prof.ssa Annarita Sansone. 
Edgar Lee Masters realizzò la più discussa e inconsueta antologia del '900: l'Antologia di Spoon River. Lee Masters, un avvocato statunitense con la passione e il talento della poesia, sotto la provincia americana attraverso le epigrafi funebri.
Ne venne fuori il ritratto di un'umanità al tempo stesso sofferente sofferente e colpevole, desiderosa di felicità e di amore, ma facilmente vittima di ipocrisia, avidità e violenza.
Il libro conobbe un enorme successo, non solo in America ma in tutto il mondo. 

Pubblicata negli Stati Uniti nel 1915, l'Antologia di Spoon River fu diffusa da Cesare Pavese è tradotta da Fernanda Pivano per la casa editrice Einaudi nel 1943 con l'intento di diffonderla tra tutti gli adolescenti che si affacciavano alla vita con forte desiderio di cambiare il mondo. 

Spoon River è per il suo stile un'opera senza tempo, tanto che Fabrizio De Andrè nel 1971 ne ha tratto un album "Non al denaro, non all'amore, nè al cielo", scegliendo e musicando nove poesie del libro: un viaggio verso la verità e contro le maschere da cui siamo circondati.
Nel 2006, l'Antologia viene raccontata dalle immagini del fotografo americano William Willinghton raccolte nel libro "Spoon River, ciao".
Sarà un momento di riflessione e confronto ma non mancherà certo il diletto offerto dagli alunni vogliosi di farsi ascoltare e diffondere quanto hanno imparato divertendosi. 
Vi aspettiamo.

SCRITTO DA ALESSANDRA DE GENNARO

domenica 18 maggio 2014

TARANTO-AREZZO 0-1 IL PAGELLONE DI MIMMO

MARANI:  Sicuro più sveglio del solito evita il peggio già nella prima frazione, e poco dopo il gol aretino evita il raddoppio. “IL TARDIVO” voto 6+

GRIECO: Parte titolare al posto di Riccio, il Taranto dietro manca del suo playmaker ma Fabio gioca comunque la sua buona gara avendo caratteristiche diverse. “LA VOLTA SBAGLIATA” voto 5,5
IL PUBBLICO DELLO IACOVONE: VOTO 10...DELUSI E INNAMORATI

PROSPERI: Buon primo tempo del capitano che poi si perde completamente nello sterile domino aretino, ancora una volta si fa espellere davanti ai suoi tifosi. “DULCIS IN FUNDO” voto 5

PULCI: Esce a inizio ripresa  perché ammonito, fino ad allora disputa una gara tranquilla. “CANARINO” voto 6-

PICASCIA: Se oggi c’è qualcuno che può dire di essere stanco è lui, il terzino sinistro rossoblù scende poco e quando scende è servito male o non è servito proprio. “CORSE NEL VUOTO” voto 5,5

MENICOZZO: Si scambia di posizione con Ciarcià durante il primo tempo è uno dei pochi a dannarsi l’anima infatti va anche vicino al gol con l’unico tiro di tutta la prima frazione di gioco. “EL GRINTA” voto 6+

CIARCIA’: Gioca una partita strana, inizia largo a destra, poi passa al centro, finisce da regista, prova a combinare qualcosa di buono specie nella ripresa ma i compagni non lo appoggiano. “A FASI ALTERNE” voto 5,5

MUWANA: Meglio da centrale difensivo che da mediano. Un salvataggio con un recupero in diagonale da vero stopper nella ripresa, prima solo tanto fumo. “IMPRECISO” voto 5+

MIGONI: Non sempre lucidissimo è comunque l’unico a provare l’azione personale e la giocata, è veloce e mette in difficoltà sempre il suo marcatore esce per infortunio. “IL MOLLEGGIATO” voto 6

BALISTRERI: Anche lui stremato dopo il match col Monopoli ci prova ma oggi non è giornata. “SCARICO” voto 5

MIGNOGNA: Gioca una mezz’ora abbondante svaria da destra a sinistra, ci mette la corsa ma oggi non basta. “GRAZIE CI’ ” voto 6-

VIVACQUA: Ha una buona opportunità per mettersi finalmente in mostra in questo finale di stagione…la spreca. “ARRIVEDERCI E GRAZIE” voto 4,5 

MOLINARI: Rientra titolare dopo l’infortunio, ci prova una volta per tempo ma senza fortuna, il killer oggi è senza proiettili. “A DIGIUNO” voto 5

PAPAGNI: Parte con solo 3/11 della formazione vincente contro il Monopoli, e si vede. La squadra è in confusione, non si capisce come sia messa in campo specie a centrocampo, lasciare in panchina uomini come Riccio e D’Angelo è un sacrilegio, senza pensare ad un Clemente fresco e voglioso di riscatto! In stagione ha sempre azzardato e il campo gli ha sempre dato ragione, e noi lo abbiamo esaltato, oggi non ne azzecca una e non era il momento di fare esperimenti. “IL PICCOLO CHIMICO” voto 5

A cura di Mimmo Frusi

Segui il pagellone su https://www.facebook.com/dimimmofrusi
E su twitter https://twitter.com/MimmoFrusi

sabato 17 maggio 2014

LUNEDI' CONSEGNA EMOGASOMETRO AL MOSCATI!

L' Associazione di Promozione Sociale "Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti" terrà una conferenza stampa lunedi 19 maggio alle ore 12:00 presso l' Auditorium dello S.O. " S.G. Moscati" sito in Taranto. 
Presenteremo l'iniziativa benefica relativa all'acquisto dell'emogasometro per l'Ospedale Moscati attraverso la raccolta fondi organizzata da questa Associazione in occasione del concerto 1°maggio 2014.

Oltre alla presenza del Dott. S. Pisconti, nelle mani del quale sarà consegno lo strumento, e dell'Ing. Clinico responsabile del collaudo dello strumento, interverrà il Direttore Sanitario.


A.P.S. "Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti"

Noi di zero99hd vi ricordiamo Servivano 6100 euro per acquistare il macchinario, e in questi era compresa la formazione per il personale. Dai salvadanai del concerto del 1 maggio, sono stati raccolti 3850 euro, il restante se non raccolto per tempo sarebbe stato coperto dal Comitato.
Da parte nostra un grazie per l'impegno e per il nobile gesto dell'iniziativa...là dove le istituzioni dormono i cittadini si svegliano!


L'ISOLA CHE C’È...DI Valentina Castronuovo

Scrivere della Città Vecchia di Taranto è, principalmente, una atto d’amore verso la mia terra, specchio di una pratica che cerco di attuare sul territorio. Scrivere della Città Vecchia non è una moda ed ha una motivazione degna di divulgazione: la Città Vecchia é il cuore dell’identità tarantina che, in questo luogo (e non solo), ancora resiste all'evoluzione (involuzione) sociale che la città ha subito.La Città Vecchia é ciò che resta dell'identità culturale di un popolo antropologicamente diverso da quello di oggi e la sua valorizzazione DEVE ESSERE QUOTIDIANA. 

Valorizzare un luogo significa, innanzitutto, viverlo senza lasciare spazio al giudizio laddove “Vivere non è concepire ciò che bisogna fare, è farlo” (Henri-Frédéric Amiel).
Vivere questo luogo significa provare la mancanza di servizi sociali e sanitari, la mancanza di spazi di aggregazione, l’interruzione di acqua pubblica per molte ore della giornata e, non ultimo, le condizioni urbanistiche e architettoniche che fanno da cornice ad un premeditato degrado economico e sociale. 
La reale valorizzazione del quartiere è quella che mira a renderlo abitabile per chi già vive in case fatiscenti e che riconosca nei suoi abitanti la sua principale ricchezza.

E allora, succede che in un momento (lunghissimo) in cui la cultura e le condizioni architettoniche ed urbanistiche della città vecchia di Taranto vengono disconosciute dall'ambito istituzionale c’è chi, nella pratica, cerca di riappropriarsi della propria identità: la maggior parte delle dinamiche culturali e abitative sviluppate nel borgo antico di Taranto sono frutto di processi di autorganizzazione e autofinanziamento, pratiche quotidiane di un popolo che rivendica il diritto di vivere in una città occupata militarmente, aggredita dall'industria, soffocata dall'inquinamento e senza nessuna alternativa di lavoro e sviluppo.

Nei prossimi post approfondiremo e divulgheremo ciò che accade nell’ISOLA CHE C’È dando spazio, dunque, alla divulgazione dell'impegno concreto di chi nella Città Vecchia “ripristina” e “crea” reinventando spazi abitativi, culturali, sociali e organizzando iniziative aperte con l’obiettivo di riscoprire il valore dell’aggregazione.

di Valentina Castronuovo

venerdì 16 maggio 2014

TARANTO-AREZZO: PARLA IL MISTER DEI TOSCANI

Cardinali:'Abbiamo l'obbligo, il dovere ed il piacere di giocare una partita del genere. Sono tranquillo e voglio trasmetterlo ai miei ragazzi'

Una serena conferenza stampa di mister Cardinali per il pre partita degli ottavi di finale play off con il Taranto. La tranquillità nell’affrontare la partita, cercando di trarre a proprio vantaggio ogni piccola situazione che si potrà presentare.
Non svela la formazione, ma sembra aver già le idee ben chiare per la trasferta più importante dell’anno contro una formazione tosta e caparbia.

“Abbiamo preparato questa partita da ieri, - afferma l’allenatore amaranto Cardinali - da quando abbiamo saputo chi fosse il nostro avversario. Questo ci ha consentito di essere un po’ più “mirati”.
Loro sono una grossa squadra con tanta qualità. Ma abbiamo anche saputo che possono avere degli aspetti di vulnerabilità.
Sembra che ora utilizzino il 3-5-2 anche se hanno utilizzato altri sistemi durante il corso della stagione.
Credo che giocare allo “Iacovone” e, magari, non sentire la “spinta” sarebbe una cosa davvero grave. Abbiamo l’obbligo, il dovere ed il piacere di giocarci una partita del genere.
Ho invitato i miei giocatori a divertirsi e ad andare in campo senza pensare troppo, prendendo esempio da chi è abituato a giocare in queste situazioni.

Dobbiamo far leva sull’intensità e sull’idea di gioco.
Noi per giocare la partita di dopodomani abbiamo bisogno che con naturalezza tutti rispondano “presente”.
Abbiamo cercato di toccare gli aspetti sul nostro comportamento in campo anche a seconda del loro atteggiamento.
Però sono convinto che con il giusto approccio e il giusto atteggiamento, potremo dire la nostra.  
C’è l’idea di puntare, a parità di condizione, sull’affidabilità che alcuni nostri calciatori possono garantire. Personalità che dia coraggio e stimoli agli altri interpreti.
Mi auguro che si possano recuperare tutti e tre gli infortunatI: Dieme, Carfora e Dierna. Il dubbio portiere? L’ho fugato, ma non voglio dirlo. 
Mi piace interpretare le amichevoli infrasettimanali come ricerca di certezze e non di gol. Ieri abbiamo pensato non a fare più gol possibili, ma di giocare le situazioni che potrebbero presentarci.
La Società punta molto sui play off e ha invitato tutti noi a fare il massimo.
Le cose impossibili non esistono. L’obbligo di chi fa questo mestiere è crederci sempre in maniera adeguata.
Dal punto di vista personale la vivo molto bene. Sono state settimane movimentate, è vero. Ma avere la lucidità nelle situazioni mi ha sempre portato a viverle al meglio possibile. Mi sento tranquillo e spero di trasmettere questa serenità a tutto il gruppo”.

TRATTO DA http://www.arezzocalcio.com

TARANTO-AREZZO LE STATISTICHE A CONFRONTO

IN BREVE  LE STATISTICHE PIU' IMPORTANTI DI TARANTO E AREZZO DEL CAMPIONATO APPENA CONCLUSO. GLI ARETINI HAN CONCLUSO TERZI NEL GIRONE E DI SERIE D.

TARANTO-AREZZO
62 ------ punti ---------60 (3 posto gir E)
32-------giocate------- 32
18-------Vittorie---------16
8--------Pareggi--------12
6-------Sconfitte-------- 4
56------Gol fatti-------- 51
37----- Gol subiti------- 23



IL CUS JONICO BASKET TARANTO RESTA IN DNB!

Arriva la delibera dal Consiglio Federale FIP, a consegnarla il responsabile Claudio Silvestri nelle mani del presidente Cosenza: “Una grande soddisfazione”. Conversano: “Grazie a tutti”

Cosenza, Silvestri, Conversano
L’attesa del piacere è essa stessa il piacere. Così il Cus Jonico Basket Taranto ha aspettato che la “salvezza” nel suo primo campionato DNB fosse ufficiale. La delibera è stata “partorita” dalla FIP nello scorso Consiglio Federale ed ora è un atto che è stato “formalmente” consegnato nelle mani del presidente Sergio Cosenza e del responsabile Roberto Conversano da Claudio Silvestri, capoarea delle squadre Nazionali dell’Italbasket, a Taranto ieri sera per un primo incontro informale in vista dell’amichevole che gli azzurri di coach Pianigiani terranno al PalaMazzola il 26 giugno contro la Francia. Insomma il sereno dopo la tempesta per il Cus Jonico che dopo una stagione tremebonda ha potuto festeggiare più volte in poche settimane: prima l’ok della FIP per ospitare a Taranto l’Italia nell’ambito dei festeggiamenti dei 40 anni del sodalizio cussino ed ora la salvezza ufficiale. Lo ribadisce lo stesso Silvestri: “E’ passata la delibera che sancisce che la Cestistica San Severo, ritiratasi a campionato in corso, vada ad occupare l’ultimo posto del girone D della DNB.
 Il Cus Jonico quindi è ufficialmente 12° e salvo”. Parole che risuonano come dolci melodie per le orecchie rossoblu come conferma un euforico presidente Cosenza: “Avevamo delle aspettative, sabato stesso c’erano delle indiscrezioni ma mai come questa volta abbiamo voluto ‘vedere per credere’. È una grande soddisfazione per me che questa società l’ho fondata 40 anni fa. Al di là di come sia arrivata la salvezza è un riconoscimento anche ai sacrifici, economici e non, fatti in questa stagione, alle difficoltà avute con un roster decimato dagli infortuni ma che si è fatto onore su tutti i campi”. 
Gli fa eco il responsabile Roberto Conversano: “Un giorno importante per il Cus Jonico Taranto. L’obiettivo della stagione è stato centrato. La gioia è pari a quella provata negli ultimi anni con le  promozioni che in pochi anni ci hanno portato dalla D alla DNB. A questo proposito credo valga la pena ringraziare il coach Nicola Leale e tutto lo staff che in questi anni è dovuto crescere in fretta al suo fianco. Senza dimenticare i giocatori, specie quelli delle ultime due annate, gli artefici di una vera e propria impresa sportiva che permettono adesso al Cus di aprire un nuovo ciclo sul quale ci metteremo subito al lavoro”. 
Ed ora sotto con la Nazionale a Taranto e la festa dei 40 anni del Cus Jonico: miglior regalo non poteva proprio esserci.
Luca Fusco ADDETTO STAMPA CUS JONICO BASKET TARANTO;

Si alle telecamere negli Asili Nido.FIRMA LA PETIZIONE !

12.5.2014 - «I nostri cuccioli hanno il diritto di vivere con dignità la propria infanzia ed essere sempre rispettati per poter avere una crescita serena a favore dell’intera società umana».

È questa la reazione di Cristina Malvini, titolare de Il Pianeta dei Bambini, società che gestisce Asili Nido in franchising a seguito dell’ennesimo caso di violenza e orrore all’interno di strutture socio-assistenziali pubbliche e private.
«Ritengo sia indispensabile che tutti gli Asili Nido e le strutture socio-assistenziali in generale,  vengano obbligati ad utilizzare telecamere a circuito chiuso, perché chi non ha nulla da nascondere, nulla ha da temere. I Bambini che subiscono violenze fisiche e psicologiche dovranno portar con se  e per tutta la vita, un pesantissimo fardello. L’adulto ha l’obbligo di predisporre un ambiente sereno che faciliti la loro crescita emotiva e sociale.

La società ha l’obbligo di prevenire abusi e violenze sui minori e su tutti coloro che non hanno la possibilità di difendersi, con tutti i mezzi possibili a disposizione».

 La Sede Centrale de Il Pianeta dei Bambini ha inoltrato una richiesta al Garante della Privacy per poter utilizzare le telecamere all’interno degli Asili Nido del brand. La risposta è stata negativa. Malvini: «Crediamo che le leggi possono essere modificate se l’obiettivo della comunità è quello di migliorare la qualità della vita e preservare l’equilibro dei deboli. ».

 «Alle Educatrici che hanno scelto di fare questo lavoro con il cuore, ricordo l’importanza e l’obbligo civile e morale di denunciare e segnalare ogni comportamento ritenuto lesivo che possa compromettere lo sviluppo psico-fisico dei Bambini, informando immediatamente le autorità competenti.

Ai genitori invece consiglio di porre sempre l’attenzione sui propri Bimbi che per manifestare il proprio disagio, potrebbero accendere un campanello di allarme rendendo visibili i seguenti comportamenti: chiusura verso l’ambiente e verso i compagni di gioco, difficoltà di movimento, difficoltà di alimentazione, sonno disturbato, stereotipie (“tic”) e fenomeni di regressione. Inoltre consiglio di comunicare giornalmente con tutti gli operatori del Nido e di chiedere vi siano momenti in cui i genitori possano constatare con i loro occhi il benessere dei propri figli. » conclude Malvini.

  

Info: Cristina Malvini

Cell. 3482514586

mail info@ilpianetadeibambini.it

PER FIRMARE CLICCA QUI...BASTANO POCHI SECONDI DAVVERO!


giovedì 15 maggio 2014

Arcigay Taranto approda nelle scuole

Continua la Settimana contro l'Omofobia, promossa, con il Patrocinio dell'Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Taranto, dall'Associazione Culturale Hermes Academy Onlus - Arcigay Taranto, in collaborazione con Officine Taranto e numerose altre associazioni, dall'11 al 17 maggio, con tre appuntamenti giornalieri in giro per la città: flash mob, cineforum, convegni, mostre, presentazioni di libri, reading e recital teatral/musicali.
Da qualche tempo fa, grazie ai volontari della nostra associazione, Arcigay opera anche sul nostro territorio. È nata Arcigay Taranto e le attività legate al mondo LGBTQI si sono intensificate. Ci è sembrato doveroso arrivare alla celebrazione della Giornata Internazione contro l'Omofobia, il 17 maggio, con maggiore consapevolezza, frutto di un percorso artistico, informativo, formativo, educativo, che dura sette giorni e si svolge nelle piazze, all'interno della nostra sede e di quelle delle associazioni che stanno collaborando con noi, nei centri di aggregazione e nelle scuole.
L'obiettivo principe dell'iniziativa è promuovere l'ascolto e la condivisione delle nostra diversità, non solo legata all'orientamento sessuale, tra amici, in famiglia, a scuola, nei luoghi di lavoro, nell'arte, tra i massmedia.

Venerdì 16 maggio, a partire dalle ore 8.30, l'Istituto Professionale per i Servizi Sociali Liside ospita gli attivisti di Arcigay Taranto e i volontari dell'Hermes Academy Onlus, che avranno modo di confrontarsi con gli studenti in merito al tema dell'Omofobia e dei diritti, attraverso testimonianze, proiezioni e dibattiti.

Alle ore 19.00, si rinnova l'appuntamento c/o Officine Taranto, in Via Duomo #170, dove, per il ciclo “Cosa c’è di Diverso?” (XXIII Appuntamento), si parlerà di diversità in relazione alla malattia e, in particolare, all'Alzheimer, con il direttivo dell'Associazione Falanthra. Seguiranno un reading a cura di Daniela Lelli, Giovanni Monopoli, Cesare Natale e Luigi Pignatelli e un happening a cura degli allievi del laboratorio di recitazione "Sulla rotta di Artaud". L'ingresso è libero.


Alle ore 22.00, presso la sede in Via Oberdan #71, il ciclo cineforum propone “Dallas Buyers Club”, il film del 2013 diretto da Jean-Marc Vallée, per la cui interpretazione Matthew McConaughey e Jared Leto hanno conquistato l'oscar, rispettivamente come attore protagonista e attore non protagonista. La pellicola ha conquistato una terza statuetta per il miglior trucco.

La partecipazione alla proiezione, a cui seguirà un dibattito, è gratuita. Occorre però prenotare al +39 346 622 6998.

Dallas Buyers Club racconta la storia vera di Ron Woodroof, un elettricista/cowboy ribelle del Texas al quale, nel 1986, viene diagnosticato l'AIDS, con una prognosi di pochi giorni di vita. Frustrato dalla mancanza di opzioni mediche disponibili e tutt’altro che rassegnato a questa sorta di condanna a morte, Ron trova un’ancora di salvezza nei farmaci alternativi e in un mix di vitamine di sua invenzione. Entra così in contatto con altri ammalati e familiarizza con loro, superando l'iniziale omofobia e ritrovandosi al centro di un cospicuo business di contrabbando. Inizia così una tesissima partita a scacchi con la legge che vieta i farmaci da lui usati e con la polizia.

Per qualsiasi altra informazione e per visionare il calendario completo della Settimana contro l'Omofobia, consultare il sito www.hermesacademy.blogspot.it